Catalogna, Puigdemont vuole governare a distanza

L’ex presidente del governo catalano, l’indipendentista Carles Puigdemont, ha affermato oggi in un’intervista a Catalunya Radio, che le nuove tecnologie permettono “di non essere fisicamente nel Palazzo per governare”. “In prigione – ha affermato Puigdemont, che si trova a Bruxelles dall’ottobre scorso per sfuggire all’arresto – non potrei parlare alla gente e neanche ricevere visite”. Perché non farlo quindi per via telematica?

Ai tempi di Skype, delle video chiamate e videoconferenze, del telelavoro e dei rapporti sociali (ed incluso sentimentali) a distanza, tenuti vivi grazie a queste tecnologie, perché non un governo a distanza, in videoconferenza, per sfuggire ad un arresto sicuro?

Puigdemont presidente a distanza? Si saprà lunedì

Questa opzione è sul tavolo delle forze indipendentiste da diversi giorni. Il nuovo presidente del Parlamento, Roger Torrent, eletto due giorni fa dopo le elezioni del 21 dicembre, annuncerà lunedì chi proporrà per come futuro presidente della Camera.  Quel giorno si saprà quindi se davvero Puigdemont diventerà il primo presidente a distanza della Catalogna.

Potrebbe interessarti. Tutti gli articoli e le dirette sulla situazione in Catalogna pubblicate su El Itagnol

Al momento sembrerebbe che ERC sia favorevole, ma non ha ancora dato una posizione ufficiale.

La decisione di proporre nuovamente Puigdemont come capo del governo catalano avrebbe però pesanti conseguenze: il governo centrale di Rajoy potrebbe prolungare l’applicazione dell’articolo 155, tenendo quindi la Catalogna in una posizione di commissariamento.

The following two tabs change content below.

Lorenzo Pasqualini

Madrid
Giornalista freelance, geologo, scrive soprattutto di Ambiente, Scienze e Spagna. Fondatore e redattore de El Itagnól, collabora con diverse testate italiane. Vive in Spagna da anni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.