Roma, la Casa Internazionale delle Donne a rischio sfratto: mobilitazione al Campidoglio

casa donne romaROMA. La Casa Internazionale delle Donne di Roma, situata nello storico palazzo seicentesco del Buon Pastore, a Trastevere, si trova a partire dal novembre scorso a rischio sfratto. lee el artículo en castellano.

Questo centro culturale, occupato da attiviste del movimento femminista nel 1987, è stato per tre decenni attivissimo nelle lotte femministe e nello sviluppo di servizi a sostegno delle donne, a partire da quelle vittima di violenze. Nel 1992 arrivò il riconoscimento del Comune, ed il permesso per continuare ad utilizzare un edificio che fa parte del patrimonio comunale. Negli ultimi anni il centro è diventato un punto di riferimento.

La giunta di Virginia Raggi minaccia di chiudere la Casa

Negli ultimi anni però, le cose sono cambiate. Il Comune di Roma sta cercando di far cassa con gli oltre 80 mila immobili del suo patrimonio edilizio, fra cui figurano case, negozi, cantine ed anche palazzi storici. Fra questi immobili ci sono però situazioni particolari, dove realtà di quartiere hanno creato centri al servizio del cittadino, rivalorizzando edifici peraltro a rischio degrado.

La giunta governata dal Movimento 5 Stelle però, non ha valorizzato queste situazioni, ed ha già azzerato diverse realtà. Negli ultimi mesi è finita nel mirino anche la Casa delle Donne, che accoglie oltre trentamila donne ogni anno ed organizza peraltro importanti iniziative culturali, oltre ad ospitare una vasta biblioteca ed uno sportello anti-violenza.

La petizione “la Casa siamo Tutte”, su Change.org

Ora le persone che gestiscono la Casa, un centro la cui utilità sociale è evidente e va al di là di qualsiasi orientamento politico, sono costrette a pagare 800.000 euro per continuare a gestire l’immobile. Questo nonostante siano state proprio le attiviste della Casa Internazionale delle Donne a evitare che l’edificio, molto antico, finisse nel degrado.

La pagina web della Casa Internazionale delle Donne a Roma

Un altro problema riguarda le dieci persone che lavorano nella struttura, con contratti di diverso tipo. Contratti che potrebbero essere azzerati. Ora, di fronte alla minaccia dello sfratto, il movimento femminista romano sta manifestando da mesi, con l’appoggio delle realtà di sinistra della capitale e di alcuni giornali, come il manifesto, che hanno dedicato alla vicenda molta attenzione.

21 maggio 2018, sit-in al Campidoglio

Il 21 maggio alle ore 18 è prevista una manifestazione in Campidoglio e altre mobilitazioni avverranno nei prossimi giorni. Si possono seguire le prossime mobilitazioni a questo link.

The following two tabs change content below.

Clara Cobos Martin

Laureata in Giurisprudenza e Scienze Politiche, ha lavorato per anni per ONG sia in Spagna che all'estero. Redattrice e fondatrice de El Itagnol è esperta in diritti umani. Scrive di Italia, politica e cultura

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.