Spagna, “bufera” sul leader di Podemos e compagna per l’acquisto di una villetta

MADRID. Il leader di Podemos, Pablo Iglesias, insieme alla compagna, la deputata di Podemos Irene Montero, potrebbero addirittura lasciare la guida del partito ed il loro posto di deputati dopo una polemica sollevata da alcuni giornali spagnoli, relativa ad un fatto privato. Un fatto privato che si è trasformato in pochi giorni in dibattito nazionale riportato da giornali e televisioni.

AGGIORNAMENTO DELLA VICENDA AL 28 MAGGIO: in fondo all’articolo.

Iglesias e la Montero, che da poco hanno annunciato che diventeranno genitori di due gemelli, avrebbero infatti deciso di acquistare una villetta fuori Madrid, il cui costo è di circa 600.000 euro. Dopo la filtrazione sulla stampa delle foto del chalet e del suo costo, Pablo Iglesias e la compagna sono stati criticati, prima ovviamente dai partiti oppositori di destra, poi anche da alcuni militanti stessi di Podemos.

Le critiche al leader di Pablo Iglesias per l’acquisto di una villa

Frasi pronunciate da Pablo Iglesias nel passato, come quelle in cui criticava i politici che vivono nelle ville fuori Madrid, facendosi forza del fatto di vivere nel quartiere popolare di Vallecas, o in cui diceva “non ci piacciono gli snob”, criticando “figli di papà” e gente in giacca e cravatta, gli vengono ora rivoltate contro per la decisione di comprare lo chalet fuori città.

Alcuni difendono i due affermando che si tratta di una decisione privata e personale. Altri, ricordano che non è un delitto avere avuto la fortuna di aver guadagnato dei soldi, e poterli spendere, come in questa analisi pubblicata su Ctxt, che però critica le frasi pronunciate anni fa. C’è però chi, come il sindaco di Podemos di Cadice, Kichi, ha criticato duramente la scelta di Pablo Iglesias ed Irene Montero in quanto dirigenti di un partito che ha fatto della lotta a favore delle classi lavoratrici la propria bandiera.

Il sindaco di Cadice molto critico con Iglesias

Kichi, sindaco di Cadice dal 2015, ha fatto della “coerenza” con il discorso di Podemos il suo punto forte, decidendo di ricevere uno stipendio uguale a quello di un professore di scuola superiore e rimandando indietro la quota in più che gli viene data per il suo ruolo istituzionale. Inoltre, vive in un appartamento in un quartiere della classe lavoratrice. Per questo ha vissuto la scelta di Iglesias e Montero come un “tradimento”, criticandola pubblicamente.

Le basi di Podemos al voto per decidere se Iglesias resta leader

Ora però la polemica sul chalet di Pablo Iglesias e Irene Montoro rischia di diventare un serio problema per i due politici. La notizia di ieri è che le basi di Podemos verranno chiamate a votare se Pablo Iglesias debba restare alla guida del partito o no nonostante un mutuo di 540 mila euro e l’acquisto di una casa da 600.000 euro. Lo hanno chiesto Iglesias e Montero stessi. Se perderanno, lasceranno la guida del partito e forse anche il posto di deputati.

AGGIORNAMENTO. Iglesias resta leader di Podemos

28 maggio 2018. Il voto delle basi di Podemos è stato chiaro: Pablo Iglesias  la sua compagna Irene Montero possono restare ai vertici di Podemos. L’appoggio dei militanti che hanno votato per loro è stato del 68,4 per cento. Molto alta l’affluenza: 188mila i voti espressi, su poco meno di 500.000 iscritti. Insomma, la vicenda della villetta si è rivelata essere un “non problema” per la maggior parte dei votanti di Podemos.

The following two tabs change content below.
El Itagnol è un sito di notizie di attualità, cultura e tanto altro dalla Spagna e dall'Italia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.