La nave Aquarius arriva a Valencia. Per i migranti un permesso di 45 giorni per restare in Spagna

Sono sbarcati a Valencia i 629 migranti salvati dalla nave Aquarius, appartenente alla ONG SOS Mediterranee.

I migranti sono arrivati nel porto spagnolo in questa calda domenica di metà giugno dopo diversi giorni di traversata, divisi in tre imbarcazioni, due delle quali sono motovedette italiane.

Il caso della nave Aquarius ha tenuto banco in Europa nell’ultima settimana, dopo che il governo italiano appena nato ha deciso di “chiudere i porti” rifiutando assistenza ai migranti. Il nuovo governo socialista di Pedro Sanchez aveva offerto di accogliere i migranti, e la nave Aquarius ha compiuto una larga traversata dal sud della Sicilia fino a Valencia. Una traversata molto criticata dalle ONG attive nel soccorso migranti ma salutata da Matteo Salvini come una vittoria dell’Italia di fronte all’Europa.

Centinaia di giornalisti presenti all’arrivo dell’Aquarius

L’arrivo dei migranti a Valencia è stato l’evento mediatico del giorno, in Spagna. Al porto erano presenti centinaia di giornalisti per filmare e documentare l’arrivo delle imbarcazioni cariche di profughi.

Centinaia di professionisti fra infermieri, medici, psicologi, erano pronti da ieri per l’arrivo delle navi. A bordo ci sono state scene di gioia da parte dei migranti, quando ormai l’approdo era vicino.

L’arrivo della Aquarius a Valencia

Come detto i mass media stanno dando molto risalto all’arrivo dell’Aquarius, ma anche alla chiusura dell’Italia a nuovi sbarchi. Sono molti in questi giorni gli articoli dedicati alla nuova faccia dell’Italia del governo Conte.

C’è stata polemica intanto, in Spagna, intorno alla prima pagina del giornale ABC, giornale vicino alla destra, che oggi titolava “la Spagna affronta una valanga di arrivi per via dell’effetto chiamata“. Il titolo si riferiva all’ondata di sbarchi di queste ore in Andalusia, con quasi mille persone arrivate. Secondo il giornale si tratterebbe infatti di effetto chiamata dopo l’accoglienza mostrata all’Aquarius. Secondo altre fonti si tratterebbe invece di un aumento legato al bel tempo.



 

Permesso di 45 giorni per chiedere asilo in Spagna

Ora i migranti, una volta passati i controlli da parte della Polizia, avranno diritto a un permesso di 45 giorni per restare in Spagna. Il permesso era di 30 giorni ma è stato prolungato apposta per i migranti dell’Aquarius, per motivi umanitari. Durante questo periodo potranno ricevere il sì ad una eventuale richiesta di asilo, e in quel caso potranno restare nel paese.

Ancora sbarchi in Spagna: quasi mille arrivi in Andalusia

Fine settimana intenso per i servizi di salvataggio marittimo spagnoli, che in 48 ore hanno già salvato 986 persone che si trovavano a bordo di 69 barconi, nelle acque dello Stretto di Gibilterra e nel Mar di Alboran.  Localizzati anche quattro cadaveri, morti nel tragitto fra il Marocco e la Spagna.

La Francia: accoglieremo anche noi

Proprio nel giorno in cui la nave Aquarius arriva a Valencia, il governo francese ha mostrato appoggio a quello spagnolo dicendo che seguirà le operazioni di identificazione dei migranti e aiuterà quelli che vogliono raggiungere la Francia. Una dichiarazione che arriva proprio nel giorno in cui Oxfam denuncia i respingimenti della polizia francese al confine con l’Italia.

Le reazioni delle Ong e dei partiti

Il tweet di Medici Senza Frontiere dopo l’arrivo dell’Aquarius. “andremo avanti con i salvataggi, ma serve impegno dell’Europa per salvare vite umane”.

 

Le dichiarazioni del ministro degli Interni Matteo Salvini dopo l’arrivo dell’Aquarius.

The following two tabs change content below.
El Itagnol è un sito di notizie di attualità, cultura e tanto altro dalla Spagna e dall'Italia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.