Spagna, niente governo prima di Natale: sul tavolo peseranno i politici catalani in carcere

accordo spagna governo podemos
L’abbraccio fra Iglesias e Sanchez del 12 novembre 2019, dopo l’accordo di governo fra PSOE e UP.

MADRID. Si allungano i tempi per la nascita di un nuovo governo in Spagna. A un mese dalle elezioni del 10 novembre, al termine di un 2019 nel quale il paese non ha avuto un governo pienamente in funzione (il governo Sanchez ha continuato a funzionare come esecutivo “ad interim” fin da febbraio), si allontana l’ipotesi di un insediamento prima di Natale e prima della fine dell’anno.

Il motivo è che le trattative del PSOE con ERC, il partito della “sinistra catalana”, indipendentista, da cui dipenderà l’eventuale insediamento di un esecutivo PSOE-UP, si allungano.

Lo ricordiamo: l’accordo di governo già c’è dal 12 novembre scorso, quando i socialisti (PSOE) e sinistra (Unidas Podemos) decisero di formare governo insieme. Il problema è che i due partiti non hanno la maggioranza, e per formare un governo hanno bisogno dell’astensione, nella votazione di investitura, di altri partiti. ERC, partito della sinistra indipendentista catalana, dovrebbe permettere questa investitura, ma prima di farlo si vuole assicurare che il futuro governo soddisfi alcune condizioni. E sul tavolo della trattativa, si è saputo oggi, ci sono anche i detenuti politici catalani, in carcere con accuse pesanti per aver preso parte al tentativo di disconnessione della regione da Madrid negli ultimi anni.

The following two tabs change content below.

Lorenzo Pasqualini

Madrid a El Itagnol
Giornalista italiano in Spagna, ho collaborato negli anni con giornali e periodici italiani e spagnoli. Sono caporedattore de ilmeteo.net, portale italiano del gruppo Meteored. Fondatore, gestore e redattore della testata "El Itagnol - Ultime notizie dalla Spagna". Fra Roma e Madrid. Laurea magistrale in Geologia Applicata all'Ingegneria.
loading...