I geologi spagnoli dopo la devastazione lasciata dalla tempesta Gloria: “eliminare le costruzioni lungo la costa”

denia spagna mareggiata

I geologi spagnoli hanno diffuso un comunicato a pochi giorni dalla devastazione lasciata dalla tempesta Gloria, che ha causato almeno 13 vittime e ingenti danni sulla costa mediterranea. Secondo l’ICOG, il Collegio dei Geologi spagnoli, l’unico modo per affrontare il grave problema, che si ripropone ad ogni ondata di maltempo, è la “decostruzione” del litorale spagnolo.

Decostruire il litorale spagnolo”

“Le tempeste di Levante sono fenomeni relativamente frequenti, ma con una costa così antropizzata da infrastrutture e case in prima linea – spiega il geologo Joan Manuel Vilaplana, “e con alcuni fiumi e torrenti che non trasportano più sedimenti, stiamo impedendo il naturale rinnovamento delle spiagge”.

Un paradigma di questa situazione è il Delta del Ebro, nella provincia di Tarragona. I geologi avvertono che i numerosi bacini idrici che l’Ebro ha a monte, sia per l’energia idroelettrica che per l’approvvigionamento idrico e per l’irrigazione, trattengono i sedimenti trasportati dal fiume e impediscono loro di essere depositati nel delta per un rinnovamento naturale.

“Il delta dell’Ebro è in declino da decenni a causa della mancanza di sedimenti”, afferma Vilaplana. Il Collegio dei geologi sottolinea che l’aumento del livello del mare causato dal riscaldamento globale farà diminuire le dimensioni del delta in futuro. “Ma se non facciamo nulla, ridurne le dimensioni sarà molto più drastico e più veloce”, afferma Vilaplana.

Alluvione in Spagna, l’intervista al presidente del Collegio dei Geologi spagnoli

I geologi spagnoli chiedono di ‘decostruire’ la costa per facilitare la ricostruzione naturale delle spiagge e si impegnano a facilitare il naturale apporto di sedimenti ai fiumi, come misura per evitare future catastrofi come quella causata da “Gloria”.

Joan Manuel Vilaplana ritiene che le infrastrutture e gli alloggi dovrebbero essere rimossi, ove possibile, dalle aree di costa del Mediterraneo e spostate verso l’interno. Si tratta di una misura che richiede un ampio consenso tra le parti interessate e avrà effetto “a medio e lungo termine”. Tuttavia, sottolinea che un’ampia spiaggia “è la migliore protezione naturale contro le tempeste marittime”.

Vilaplana fornisce come esempio il recupero e la ricostruzione delle spiagge di Barcellona, ​​dove fabbriche e costruzioni sono state rimosse in passato dalla prima linea. “In Catalogna abbiamo la linea ferroviaria con il traffico passeggeri più elevato tra Barcellona e Mataró che corre lungo la costa, vicino alla spiaggia”, afferma Vilaplana. “Tale infrastruttura dovrebbe essere trasferita all’interno per eliminare la sua elevata esposizione al rischio di tempeste e lasciare spazio per consentire alla spiaggia di fungere da barriera naturale al mare”, conclude.

Il video: gli effetti di Gloria sulla costa di Dénia

The following two tabs change content below.
El Itagnol è un sito di notizie di attualità, cultura e tanto altro dalla Spagna e dall'Italia. Le ultime notizie da Madrid e Roma, notizie di cultura, ambiente, viaggi, turismo, montagna e tanto altro. Testata online bilingue in italiano e spagnolo. Autore: Lorenzo Pasqualini, giornalista.
loading...