Muore a Oviedo lo scrittore cileno Luis Sepúlveda, uno dei primi casi di coronavirus in Spagna

luis sepulveda

MADRID. Lo scrittore cileno Luìs Sepulveda è morto oggi in un ospedale di Oviedo all’età di 70 anni. Lo scrittore, popolare e molto amato in Italia e residente da anni nelle Asturie, in Spagna, era stato uno dei primi casi accertati di coronavirus nel paese. Era stato ricoverato a fine febbraio. Dopo oltre un mese e mezzo di lotta contro il COVID-19, l’autore di libri celebri come “Il vecchio che leggeva romanzi d’amore”, “Il mondo alla fine del mondo”, “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare”, “Patagonia express” e decine di altri romanzi e libri, è morto questa mattina.

Perseguitato dalla dittatura di Pinochet

Sepulveda era nato in Cile nel 1949. Nel 1977 fu obbligato a lasciare il suo paese per le rappresaglie della dittatura militare di Pinochet. Dopo anni di spostamenti per il Sud America, iniziò a vivere in Spagna nel 1997. Da allora, lo scrittore cileno ha vissuto a Gijòn, la città costiera delle Asturie situata a poche decine di chilometri da Oviedo.

Rassegna stampa

I giornali italiani danno la notizia con grande risalto: in Italia lo scrittore è più conosciuto e più popolare che in Spagna. Il giornale La Repubblica ed il Corriere della Sera, i due più letti in Italia, pubblicano la notizia della morte di Sepulveda come prima notizia nell’edizione digitale della mattina.

Gli articoli del Itagnol

The following two tabs change content below.

Lorenzo Pasqualini

Madrid a El Itagnol
Giornalista italiano a Madrid, ho collaborato negli anni con giornali e periodici italiani e spagnoli. Sono caporedattore di Meteored Italia e l'autore del sito di informazione "El Itagnol - Notizie dalla Spagna e dall'Italia".