Madrid e Barcellona passano alla fase 1 da lunedì 25 maggio: ecco cosa si potrà fare

chamberí madrid
en la foto: el barrio de Chamberí, en Madrid (foto: Luis García).

MADRID. La Comunidad de Madrid, la provincia di Barcellona e le nove province della Castiglia e León potranno accedere alla fase 1 della desescalada da lunedì 25 maggio. Il sì del Ministerio de Sanidad, che con lo stato di allerta è diventata la massima autorità in materia, è arrivato nel primo pomeriggio. La notizia era molto attesa. Era la terza volta che il governo regionale della Comunità di Madrid chiedeva il passaggio a questa nuova fase, che permette aperture di negozi, bar, ristoranti e riunioni fra familiari e amici. Finora non si riteneva ancora sicuro questo livello di apertura.

Si era ormai creato uno scontro aperto fra governo regionale di Madrid amministrato da PP e Cs e il governo centrale per i no dell’esecutivo Sànchez alla riapertura della regione, che veniva però ritenuta poco prudente dal comitato tecnico-scientifico perché questo è stato il luogo più colpito dall’epidemia.

Leggi anche. Le 4 fasi della “desescalada” in Spagna: così si allentano le restrizioni fra maggio e giugno

Il resto della Spagna (il 70% della popolazione) era passata alla fase 1 già il 18 maggio. 

Dal 25 maggio passano in fase 2 molte altre zone della Spagna, con un ulteriore livello di aperture.

Chi entra in fase 2

Il 18 maggio sono passati in fase 2 alcune isole spagnole. Dal 25 maggio lo faranno altre aree della Spagna meno colpite dalla pandemia: entrano in fase 2 sei province dell’Andalusia (tranne Malaga e Granada), parte della Castiglia-La mancia (tranne Toledo, Albacete e Ciudad real), la Galizia, le Baleari, le Canarie, i Paesi Baschi, le Asturie, Cantabria, Navarra, La Rioja, Aragona, Estremadura, Murcia, Ceuta e Melilla e tre zone della Catalogna.

Che si può fare in fase 1?

Le due grandi novità sono la maggior libertà di circolazione dentro la propria provincia (ancora proibiti spostamenti fuori provincia) e la possibilità di riunioni con massimo dieci persone. Le riunioni possono essere fra familiari e amici.

Altra importante novità è che aprono molti più negozi di prima. Finora solo poche tipologie erano aperte su appuntamento. Da lunedì 25 maggio, aprono bar e ristoranti (ma solo tavolini all’aperto e con capienza ridotta del 50%). Tornano quindi le “terrazas”, i tavoli all’aperto, anche a Madrid e Barcellona e nelle città della Castiglia e Leòn, da Salamanca a Valladolid.

Viene permesso anche lo spostamento verso seconde residenze, ma sempre dentro la provincia.

Leggi anche. Il governo di Spagna pensa a luglio come mese di riapertura al turismo internazionale

Restano le fasce orarie

Restano comunque le fasce orarie attive finora nelle città con più di 10mila abitanti.

The following two tabs change content below.
El Itagnol è un sito di notizie di attualità, cultura e tanto altro dalla Spagna e dall'Italia. Le ultime notizie da Madrid e Roma, notizie di cultura, ambiente, viaggi, turismo, montagna e tanto altro. Testata online bilingue in italiano e spagnolo.
loading...