La Spagna chiude 7 centrali termiche a carbone: “non più redditizie”

centrale termica spagna

MADRID. La Spagna spegne da oggi, 30 giugno, ben 7 delle 15 centrali termiche a carbone ancora presenti nel paese. La chiusura avviene su decisione delle compagnie che le gestiscono, fra cui Endesa e Iberdrola, perché non più redditizie. Sono diversi i fattori che influiscono su questa decisione, fra di essi le nuove politiche europee in campo ambientale, l’elevato costo per le imprese che emettono più gas serra in atmosfera e la sempre maggior convenienza dell’energia rinnovabile (e, per la Spagna, dell’utilizzo del gas).

La loro chiusura porterà a una riduzione delle emissioni di gas serra, che è quanto richiesto da tempo da scienziati e dai movimenti per il clima, che chiedono di agire in modo deciso per far fronte all’emergenza climatica in atto. Le centrali a carbone sono infatti fra le più inquinanti.

Per approfondire, leggi questo articolo pubblicato oggi sul quotidiano “il manifesto”.

The following two tabs change content below.

Lorenzo Pasqualini

Madrid a El Itagnol
Giornalista italiano in Spagna, ho collaborato negli anni con giornali e periodici italiani e spagnoli. Sono caporedattore de ilmeteo.net, portale italiano del gruppo Meteored. Fondatore, gestore e redattore della testata "El Itagnol - Ultime notizie dalla Spagna". Fra Roma e Madrid. Laurea magistrale in Geologia Applicata all'Ingegneria.
loading...