Catalogna, dopo più di tre mesi dalle elezioni del 14F è nato il nuovo Governo regionale

parlamento catalognaMADRID. Dopo oltre tre mesi dalle elezioni regionali del 14 febbraio scorso in Catalogna, muove i primi passi il nuovo governo regionale.

Il 17 maggio scorso è arrivato, dopo mesi di impasse, l’accordo fra i due partiti indipendentisti ERC e JxCat (Esquerra Republicana e Junts per Catalunya) per formare un governo “di confrontazione democratica” con lo Stato (così nelle intenzioni delle due forze politiche), per “forzarlo a una risoluzione del conflitto” catalano. Il governo di coalizione nasce grazie all’appoggio esterno del partito anticapitalista della sinistra indipendentista, Cup.

Leggi anche. Catalogna, come sono andate le elezioni del 14 febbraio 2021?

Le due forze politiche, ERC e JxCat, non escludono dai loro programmi l’idea di realizzare un referendum vincolante per l’indipendenza della Catalogna dalla Spagna. Nel testo di accordo di governo fra i due partiti, lungo 46 pagine, vi è anche un paragrafo intitolato “Strategia indipendentista per formare la Repubblica Catalana”.

Se non si fosse arrivati a un accordo sarebbero scattate le elezioni anticipate.

Spagna, che succede in Catalogna a oltre tre mesi dalle elezioni del 14 febbraio?

Questa settimana ha mosso i primi passi il nuovo governo Aragonès. Lunedì 24 maggio il nuovo presidente Aragonès si è insediato, con un breve discorso pronunciato nel Parlamento catalano. Nel discorso ha parlato di “amnistia inevitabile” per i politici indipendentisti in carcere per i fatti del 2017 e di “autodeterminazione” per la Catalogna.

Pere Aragonés è il primo presidente del governo catalano del partito ERC

Non era mai successo in 80 anni che ERC eleggesse un suo membro alla presidenza del governo regionale. Aragonès ha 38 anni ed è stato eletto ufficialmente come nuovo presidente della Comunità Autonoma venerdì 21 maggio. Il 24 maggio è entrato in carica ufficialmente.

Il 25 maggio è stato il primo giorno del governo Aragonés, ed è stato subito segnato da un episodio che ha anticipato un futuro non facile per questo esecutivo regionale. Lo sgombero da parte delle forze dell’ordine di un edificio occupato dai movimenti stop sfratti, a Barcellona, ha scatenato i malumori del partito Cup, che ne ha consentito l’insediamento. Ne parla qui ElDiario.es

Il nuovo governo vuole dialogo con Madrid

Una delle parole chiavi del nuovo governo “indipendentista” catalano è la richiesta di dialogo con il governo centrale, con la riattivazione del tavolo di trattative (la mesa de dialogo) dal quale non è esclusa la possibilità di un indulto per i leader secessionisti in carcere. Una possibilità, quella dell’indulto, non affatto remota, che il governo Sànchez starebbe studiando e che vede la fortissima ostilità del PP. Proprio il PP ha avvisato che un eventuale indulto ai leader catalani chiuderebbe le porte alla possibilità di un accordo fra PSOE e PP sul rinnovo del CGPJ, il CSM spagnolo bloccato da anni per lo scontro fra i due principali partiti spagnoli.

La rassegna stampa

Alcune delle prime pagine del 25 maggio 2021: indulti e insediamento di Aragonès fra le prime notizie

Questo slideshow richiede JavaScript.

The following two tabs change content below.
El Itagnol è un sito di notizie di attualità, cultura e tanto altro dalla Spagna e dall'Italia. Le ultime notizie da Madrid e Roma, notizie di cultura, ambiente, viaggi, turismo, montagna e tanto altro. Testata online bilingue in italiano e spagnolo. Autore: Lorenzo Pasqualini, giornalista.