Settembre si apre con violenti temporali in Spagna

temporale spagnaMADRID. Il mese di settembre si apre in Spagna con forti temporali e maltempo diffuso. Già dalla notte fra il 31 agosto e l’1 settembre forti temporali hanno interessato diverse aree, fra cui la regione di Madrid. Il 30 e 31 agosto altri temporali avevano investito l’area mediterranea, in particolare Valencia.

Violento nubifragio temporale a Madrid: stop a linee metro e allagamenti

Prima dell’alba del 1° settembre si sono verificati allagamenti e ci sono state centinaia di chiamate ai centralini del soccorso nell’area metropolitana di Madrid. L’area più colpita è stata quella del sud-est, con un temporale violentissimo che ha causato numerosi problemi in alcuni quartieri, come Vallecas. La mattina dell’ 1 settembre risultavano senza servizio diversi tratti delle linee della metropolitana, come la linea 1, la 5 e la 9.

Numerosi sottopassaggi stradali sono stati chiusi per la quantità di acqua accumulata. Le chiamate ai Pompieri madrileni sono state 237 e ci sono stati circa 100 interventi di soccorso, anche se nessuno di livello grave.

Per tutta la giornata del 1° settembre sono attive in Spagna allerte meteo di colore giallo e arancione, per la previsione di fenomeni violenti.

Le piogge arrivano sulla Spagna dopo un’estate secca e marcata da ondate di caldo molto importanti. La siccità è grave in diverse aree, e servirà tempo per invertire la tendenza. Alcuni invasi artificiali spagnoli si trovano al di sotto del 30% della capacità, con livelli bassissimi.

El verano no ha hecho más que confirmar la sequía

Algunas cuencas ya están por debajo de su capacidad total. El verano ha hecho lo de siempre, provocar aún más la caída de la reserva hídrica.

The following two tabs change content below.
El Itagnol è un sito di notizie di attualità, cultura e tanto altro dalla Spagna e dall'Italia. Le ultime notizie da Madrid e Roma, notizie di cultura, ambiente, viaggi, turismo, montagna e tanto altro. Testata online bilingue in italiano e spagnolo. Autore: Lorenzo Pasqualini, giornalista.