La Francia conferma il ‘no’ al gasdotto sui Pirenei, sì a un ‘corridoio verde’ tra Barcellona e Marsiglia. E il gasdotto Spagna-Italia?

gasdotto spagna
Immagine di un gasdotto (foto: https://it.depositphotos.com/).

MADRID. L’Europa sta cercando da mesi nuove soluzioni alla crisi energetica scoppiata a seguito della guerra in Ucraina, in particolare c’è una ricerca attiva di alternative al gas russo, visti gli sviluppi dell’invasione armata di Putin nel paese. Negli ultimi mesi il governo spagnolo guidato da Sanchez, insieme a quello portoghese di Costa, hanno lavorato per far uscire la Penisola Iberica dall’isolamento rispetto al resto del continente europeo, in materia di trasferimento diretto di gas. 

La Penisola Iberica, un ponte per il gas verso l’Europa ma mancano le connessioni verso il continente

La penisola iberica è un importante punto di arrivo di gas liquefatto, attraverso grosse navi mercantili e grazie agli accordi e alla vicinanza con il Maghreb. Conta su numerosi porti attrezzati con rigassificatori (proprio in questi giorni c’è stato un vero ingorgo di navi che trasportavano GNL al largo delle coste spagnole), ma Spagna e Portogallo sono “scollegate” dal resto del continente, per la assenza di gasdotti che valichino i Pirenei verso la Francia.  La Spagna ha premuto nei mesi scorsi sulla Francia affinché si costruisca un gasdotto attraverso i Pirenei (MidCat), attraverso il quale si stabilirebbe una connessione diretta tra Penisola Iberica e continente. Il progetto MidCat non è nuovo, ma non aveva visto in passato un particolare interesse della Francia. In questo turbolento 2022, però, non solo Spagna e Portogallo avevano premuto per una sua realizzazione, ma anche la Germania, paese che si è ritrovato troppo dipendente dal gas russo in una situazione geopolitica rapidamente cambiata.

Leggi anche. Spagna, da “isola energetica” a potenza nell’esportazione del gas? Il progetto del gasdotto tra Barcellona e Livorno

Il governo Macron ha scartato l’ipotesi di un gasdotto trans-pirenaico nei mesi scorsi, ribadendo più volte il suo “no” al gasdotto MidCat per motivi strategici e perché, secondo la Francia, bisogna puntare su alternative più ecologiche. Il gasdotto attraverso i Pirenei era visto con molto interesse dalla Germania, paese fortemente dipendente dal gas russo, che si vuole svincolare da questa dipendenza visti gli sviluppi di questo turbolento 2022.

Il ‘no’ della Francia al gasdotto Midcat sui Pirenei e il piano B di un gasdotto Spagna-Italia

Di fronte al ‘no’ di Parigi a un gasdotto attraverso i Pirenei, Madrid aveva guardato con interesse a un piano B, un progetto nei cassetti da tempo, che prevede la costruzione di un gasdotto tra Barcellona e Livorno. Questa alternativa  è tornata sul tavolo nelle scorse settimane, già dal mese di luglio. A settembre il presidente del governo spagnolo, Pedro Sánchez, aveva detto che se alla fine non si fosse realizzato il MidCat, l’esecutivo spagnolo avrebbe optato per l’interconnessione con l’Italia. Un progetto che comunque avrebbe tardato diversi anni perché  consisterebbe nella posa di 700 km di tubi sui fondali del Mediterraneo.

L’accordo del 20 ottobre tra Francia, Portogallo e Spagna: nasce il ‘corridoio di energia verde’

Il 20 ottobre c’è stata una importante novità. I governi di Spagna, Francia e Portogallo sono arrivati a un accordo per sostituire il gasdotto MidCat con un corridoio pensato per il trasferimento di “energia verde”. Secondo il governo Macron sarebbe una soluzione più ecologica, che unirà la Penisola Iberica con la Francia e che permetterà il trasferimento di idrogeno verde. Verrà pensato per l’idrogeno, ma in un periodo di transizione potrà trasportare anche gas, vista l’attuale crisi energetica. Questo sistema di tubazioni collegherà Barcellona con Marsiglia, una città che sarà a sua volta punto di partenza per il gas verso Germania e Italia, e si chiamerà BarMar dalle iniziali delle due città collegate.

Il gasdotto tra Barcellona e Livorno: salta il progetto di connessione tra Spagna e Italia?

Bisognerà vedere adesso cosa verrà deciso sul gasdotto di collegamento tra Barcellona e Livorno, un progetto europeo che era tornato di rilevanza negli ultimi mesi. A inizio settembre il presidente del governo spagnolo, Pedro Sánchez, aveva detto che se alla fine non si fosse realizzato il MidCat, l’esecutivo avrebbe optato per l’interconnessione con l’Italia. A questo punto, visto l’accordo sul “corridoio verde” Barcellona-Marsiglia BarMar, potrebbe quindi tramontare la costruzione del gasdotto fino a Livorno, che sarebbe stato più costoso (maggiore lunghezza, circa 700 km invece dei 350 del nuovo progetto).

Proprio su questo tema è intervenuta, venerdì 21 ottobre, la la ministra spagnola della Transición Energética, Teresa Ribera, che ha affermato che la tubazione tra Spagna e Francia accordata il 20 ottobre sostituisce il progetto di connessione tra Spagna e Italia, che quindi perde adesso di interesse.

(notizia aggiornata l’ultima volta il 21 ottobre 2022).

Per approfondire

Francia insiste: el MidCat no es viable

Francia quiere establecer “un marco común” con los jefes de Gobierno de España, Pedro Sánchez, y Portugal, António Costa, para futuras interconexiones energéticas con la península ibérica, pero insiste en que un nuevo gasoducto por los Pirineos catalanes no tiene viabilidad ni medioambiental ni económica .

Sánchez, Macron y Costa pactan un corredor de energía verde entre Barcelona y Marsella en vez del MidCat

El presidente cree que el acuerdo para construir un nuevo conducto marítimo es una “muy buena noticia para España, Portugal, Francia y Europa” España, Francia y Portugal han decidido enterrar el proyecto de gasoducto MidCat por los Pirineos, al que París se oponía férreamente por motivos estratégicos pero también de resistencia ecologista, y a cambio han pactado promover de forma rápida una alternativa “más ecológica” que irá por mar entre Barcelona y Marsella y que ya se ha apodado BarMar.

Bruselas estudia un gasoducto de más de 2.500 millones de euros entre Barcelona y Livorno

El tubo, de más de 700 kilómetros, aspira a abastecer a Italia de combustible regasificado en la capital catalana. El plan del Midcat, el proyecto para unir España y Francia, se centra ahora en el transporte de hidrógeno verde Algo se mueve en Bruselas.

Un gasoducto España-Italia: el caro y ambicioso “plan B” al Midcat

A medida que se acerca un invierno que pinta oscuro, Europa acelera su búsqueda de alternativas al gas ruso. España, que se presenta como un proveedor clave para el norte del continente por su gran capacidad de regasificación y su conexión con el Magreb, ya ha movido ficha y quiere que se acabe de construir el gasoducto que uniría Cataluña con Francia, conocido como Midcat.

The following two tabs change content below.

Lorenzo Pasqualini

Madrid a El Itagnol
Giornalista italiano a Madrid, ho collaborato negli anni con giornali e periodici italiani e spagnoli. Sono caporedattore di Meteored Italia e l'autore del sito di informazione "El Itagnol - Notizie dalla Spagna e dall'Italia".