Argentina, il ricordo dei Mondiali di calcio della vergogna: si giocò in piena dittatura, era il 1978

mondiali argentina 1978
Uno degli stadi di calcio utilizzati per i Mondiali 1978 in Argentina. foto: Wikimedia.

I Mondiali di calcio 2022 che si stanno tenendo in Qatar hanno fatto molto discutere, per il fatto che un torneo così importante e così seguito nel mondo si stia tenendo in una monarchia assoluta dove vengono violati i diritti umani. Non è però la prima volta. In questi giorni il giornale “il Post” ha ricordato in un articolo il Mondiale di calcio del 1978 in Argentina, nel pieno della dittatura militare di Videla, quella che fece scomparire decine di migliaia di argentini (conosciuti anche oggi come “desaparecidos”). La dittatura portava avanti una feroce repressione, con centri di detenzione e tortura, e con la sistematica uccisione di decine di migliaia di persone. Nonostante questo, il Mondiale andò avanti, con un atteggiamento compiacente di molti media. 

Ti potrebbe interessare. Madrid, cosa resta nel 2022 dei Mondiali del 1982 vinti dall’Italia e giocati in Spagna? Il video

Per approfondire

Il “Mondiale della vergogna” del 1978 – Il Post

Nel pomeriggio del primo giugno 1978 lo stadio Monumental di Buenos Aires era pieno di gente, lì per assistere alla cerimonia di apertura dei Mondiali di calcio. L’inizio di tutto quanto fu il discorso della massima autorità argentina, Jorge Videla, presentato dall’annunciatore come “tenente generale” ed “eccellentissimo presidente della nazione”.

Leggi anche

24 marzo, anniversario del colpo di stato in Argentina: la targa “nunca más” a Roma

Madrid, 11 luglio 1982: 40 anni dopo la storica finale dei Mondiali di Spagna, ecco com’è il Bernabéu

Madrid, cosa resta nel 2022 dei Mondiali del 1982 vinti dall’Italia? Il video

The following two tabs change content below.
El Itagnol è un sito di notizie di attualità, cultura e tanto altro dalla Spagna e dall'Italia. Le ultime notizie da Madrid e Roma, notizie di cultura, ambiente, viaggi, turismo, montagna e tanto altro. Testata online bilingue in italiano e spagnolo. Autore: Lorenzo Pasqualini, giornalista.