Spagna, alla vigilia del 2023 elettorale ci sono sorprese dai sondaggi: ecco perché

congresso madrid

Si avvicina l’anno elettorale in Spagna, un 2023 che sarà carico di appuntamenti molto importanti. Il 28 maggio si terranno elezioni amministrative e regionali, mentre in autunno sono previste le elezioni generali per rinnovare il Parlamento. Con l’avvicinarsi delle elezioni cresce quindi anche l’attenzione per i sondaggi, che vengono pubblicati sempre più frequentemente dai mass media. Proprio negli ultimi giorni, in questo inizio dicembre 2022, sono stati pubblicati dei sondaggi che aprono nuovi scenari.

Fino a poche settimane fa, infatti, la maggior parte dei sondaggi dava come risultato più probabile una vittoria del blocco delle destre. Per alcuni istituti di sondaggio le destre, in particolare il Partito popolare (PP) e Vox (ultradestra), potevano aspirare alla maggioranza assoluta, mentre altri sondaggi davano questa maggioranza un po’ meno forte ma comunque in grado di governare il paese.

Leggi anche. Gli italiani in Spagna possono votare alle elezioni amministrative spagnole del 28 maggio 2023 ma bisogna fare richiesta

Sorpresa dai sondaggi in Spagna: partita aperta a un anno dalle elezioni generali 2023

L’ultimo sondaggio di 40dB, pubblicato da El Paìs, mostra che le cose stanno cambiando e che il blocco dei partiti che compongono l’attuale governo – presieduto da Pedro Sánchezsta recuperando terreno. Nell’ultimo sondaggio il PSOE, il principale partito della maggioranza attuale di centro-sinistra, si troverebbe testa a testa con il PP. La partita quindi si riapre, e non è più scontata una vittoria schiacciante delle destre.

Il blocco del centro-sinistra di nuovo in gioco, ma tutto dipenderà dall’unità

Un altro dato che emerge da questo sondaggio è però che l’eventuale frammentazione della sinistra, intendendo per tale l’insieme dei partiti alla sinistra del PSOE, porterebbe a un vantaggio delle destre. Se però la sinistra radicale spagnola riuscisse a unirsi, realizzando il progetto dell’attuale vicepremier Yolanda Diaz, di Izquierda Unida, che vuole creare una piattaforma unitaria della sinistra dal nome Sumar (unendo Unidas Podemos con Más País), lo scenario resterebbe aperto e il blocco del centro-sinistra potrebbe vincere, mantenendosi al governo del paese come avviene dal 2020, in un esecutivo di coalizione.

Per approfondire

El PP retrocede y el PSOE vuelve a igualarlo en el primer puesto en vísperas del año electoral

Pedro Sánchez rozaría la mayoría absoluta en el Congreso si mantuviese sus actuales alianzas frente a una derecha que no suma

La división a la izquierda del PSOE situaría a la derecha al borde de la mayoría

Una candidatura unitaria con Yolanda Díaz restaría votos a Sánchez, pero acrecentaría sus opciones de seguir gobernando

The following two tabs change content below.

Lorenzo Pasqualini

Madrid a El Itagnol
Giornalista italiano a Madrid, caporedattore di Meteored Italia e autore-fondatore del sito di informazione "El Itagnol - Notizie dalla Spagna e dall'Italia".