Giornata della Memoria, nuove pietre d’inciampo in Spagna

stolperstein-spagna

Il 27 gennaio si celebra ogni anno la Giornata internazionale di commemorazione delle vittime dell’Olocausto, nota anche come Giornata della Memoria, con molte iniziative in tutta Europa. Come avevamo fatto già gli scorsi anni, su El Itagnol ricordiamo in quest’occasione le nuove pietre d’inciampo (stolpersteine), che sono state collocate negli ultimi anni in Spagna.

Le pietre d’inciampo in Spagna: dove si trovano le “stolperstein”?

Sono blocchetti di dieci centimetri per dieci che vengono istallati nelle pavimentazioni delle città per ricordare con nome e cognome le vittime del nazismo. In Europa sono ormai centomila, posizionate davanti alle case dove vivevano persone deportate nei campi di concentramento. In Spagna il loro numero era bassissimo fino a pochi anni fa, ma ora stanno crescendo anno dopo anno.

In Spagna, dove le pietre d’inciampo sono arrivate in ritardo rispetto al resto d’Europa, ricordano i repubblicani che erano fuggiti in Francia nel 1939, quando il bando franchista vinse la Guerra Civile, e poi deportati dal nazismo nei campi di concentramento.

Le ultime pietre d’inciampo sono state collocate nel 2022 a Madrid, altre verranno collocate il 27 gennaio in Galizia. Qui sotto, articoli per approfondire.

A Coruña rendirá homenaje a los deportados a campos nazis con “piedras que hacen tropezar”

Los Stolpersteine son pequeños monumentos, en forma de adoquín, creados por un artista alemán en memoria de los deportados a campos de concentración nazis

‘Stolpersteine’: las piedras de las víctimas del nazismo

Mediante el proyecto ‘Stolpersteine’, el artista alemán Gunter Demnig coloca adoquines dorados en las calles de Europa para recordar a las víctimas del nazismo

Le pietre d’inciampo in Spagna ricordano i repubblicani spagnoli deportati dal nazismo: dove si trovano e quante sono?

The following two tabs change content below.

Lorenzo Pasqualini

Madrid a El Itagnol
Giornalista italiano a Madrid, caporedattore di Meteored Italia e autore-fondatore del sito di informazione "El Itagnol - Notizie dalla Spagna e dall'Italia".