Un fiocco sulla porta per ogni nuova nascita, una tradizione molto diffusa in Italia. E in Spagna?

nomi neonati

Quando nasce un bambino, o una bambina, una tradizione ancora diffusa in Italia è quella di attaccare fuori del portone di casa un fiocco azzurro per un maschietto o rosa per una bambina, per celebrare il nuovo arrivo. Il fiocco nascita esprime la gioia per l’arrivo di una nuova vita in famiglia e serve a comunicare la bella notizia ai vicini e ai conoscenti, ma anche ai semplici passanti che vengono rallegrati dal fiocco in un’epoca avara di nascite.

Leggi anche. Quanti bambini e quante bambine nascono ogni anno in Spagna e Italia? I dati aggiornati del 2022 e 2023

Fiocco nascita, una tradizione diffusa in Italia che arriva dall’oriente

La tradizione arriva dai paesi orientali in cui un fiocco di colore blu nei secoli passati era un amuleto per proteggere il neonato. In Italia la tradizione è sentita soprattutto al centro e al sud dove si possono vedere  davanti ai portoni enormi fiocchi rosa o celesti, a volte corredati da una grande cicogna. In altre zone il semplice fiocco si è evoluto in tantissime forme diverse, con nome e data di nascita ricamati, con piccoli pupazzi di pannolenci o ricamati a punto a croce.

Leggi anche. Giornata mondiale della prematurità, si celebra il 17 novembre anche in Italia e Spagna

Fiocco nascita in Spagna?

Il fiocco nascita non è usato in Spagna, dove sui portoni e sulle porte delle case dove sono appena nati bambini o bambine, non vengono affissi questi enormi fiocchi azzurri o rosa così comuni in Italia.

Stai leggendo El Itagnol – giornale italo-spagnolo di cultura e attualità con sede in Spagna. Non perderti gli aggiornamenti su itagnol.com! 

Seguici anche sui social, su Twitter e Facebook!

The following two tabs change content below.
El Itagnol è un sito di notizie di attualità, cultura e tanto altro dalla Spagna e dall'Italia. Le ultime notizie da Madrid e Roma, notizie di cultura, ambiente, viaggi, turismo, montagna e tanto altro. Testata online bilingue in italiano e spagnolo. Autore delle notizie: Lorenzo Pasqualini, giornalista.

Commenta per primo

Rispondi