Doppia cittadinanza italiana e spagnola, notizie incoraggianti all’inizio del 2024

italia spagna

Da anni è uno dei temi più sentiti dalla comunità italiana e italo-spagnola: la doppia cittadinanza Italia-Spagna. La Spagna non contempla la doppia cittadinanza, ed ha accordi di doppia nazionalità solo con alcuni paesi ex colonie, con il Portogallo e con la Francia (con il paese vicino solo dal 2021), e un italiano che voglia acquisire la nazionalità spagnola deve rinunciare a quella italiana. L’Italia riconosce la doppia cittadinanza, ma la Spagna no. Uno spagnolo può quindi acquisire senza problemi la nazionalità italiana e conservare due cittadinanze, mentre un italiano non può fare la stessa cosa.

Doppia cittadinanza Italia-Spagna, gli ultimi articoli su El Itagnol

Ci sono molti italiani in Spagna che vorrebbero acquisire la nazionalità spagnola senza perdere quella italiana, che si vedono tagliati fuori dalla possibilità di votare alle elezioni, o di avere una carta d’identità con foto (invece del NIE, che è un piccolo documento di carta da più parti criticato per il formato considerato poco degno).

Novità all’inizio del 2024?

Il 9 gennaio 2024, il Comitato degli Italiani all’Estero di Madrid (Comites Madrid), ha scritto in un tweet che ci sono notizie incoraggianti sul tema della doppia cittadinanza italiana e spagnola. Il vice presidente del Comites Michele Testoni, che è anche segretario del Circolo PD di Madrid, si è infatti incontrato con il Ministro degli Esteri spagnolo Albares, ed al margine dell’incontro ha ricevuto rassicurazioni da parte del membro del governo. “L’accordo su doppia cittadinanza verrà siglato presto, eliminando l’obbligo a rinunciare al passaporto di origine”, si legge nel tweet.

Michele Testoni ha spiegato a “El Itagnol” che si è trattato di un contatto cordiale e positivo con Albares, e che il ministro ha tranquillizzato sul fatto che ci sarà un accordo. La speranza è adesso che l’accordo avvenga a breve. La bozza d’accordo è già stata scritta e l’Italia attende ora che la Spagna muova la sua pedina nell’ambito del pre-accordo.

La comunità italiana in Spagna apprezza la gentilezza del ministro Albares e del governo spagnolo – afferma Testoni – ed il Comites resta attento e speranzoso, e non mancherà di organizzare ulteriori iniziative pubbliche per sollecitare affinché si arrivi a questo accordo bilaterale che comprende anche la doppia cittadinanza – conclude il vicepresidente del Comites.

Doppia cittadinanza anche con altri paesi?

Un forte interesse per la doppia cittadinanza c’è anche da parte di Romania e Marocco, due paesi da cui vengono molte persone che sono emigrate in Spagna negli ultimi decenni, con comunità ben più corpose di quella italiana. In tal senso ci sarebbero i primi segni di interessamento da parte spagnola. La Francia ha raggiunto un accordo nel 2021, mentre il Portogallo ha già un accordo di doppia cittadinanza con la Spagna. 

All’inizio del 2024 è però solo l’accordo con l’Italia ad essere davvero vicino, in stato avanzato, anche se non ci sono ancora dichiarazioni ufficiali che ci permettano di dire quando verrà siglato. Una possibilità è che la firma di un accordo bilaterale venga siglata in un eventuale vertice bilaterale Italia-Spagna che potrebbe celebrarsi in primavera, ma su questo incontro non c’è ancora nessuna ufficialità. Al momento c’è una bozza d’accordo da parte italiana ed ora il passo successivo spetta alla Spagna.

I benefici della doppia cittadinanza per gli italiani in Spagna

“Innanzitutto il beneficio principale – spiega Michele Testoni – è per una reale integrazione sociale e politica. Senza la cittadinanza noi italiani non possiamo votare alle elezioni generali e regionali spagnole. Poi faciliterebbe l’integrazione delle persone nella prospettiva professionale. Si diventa spagnoli e non si avrebbe più l’obbligo di dover usare il NIE, una carta senza fotografia, ma avremo un DNI, una carta d’identità ufficiale spagnola che ci permetterebbe di muoverci anche professionalmente e personalmente certificando di essere cittadini spagnoli a tutti gli effetti”, conclude il vice-presidente del Comites Madrid.

Stai leggendo El Itagnol – giornale italo-spagnolo di cultura e attualità con sede in Spagna. Non perderti gli aggiornamenti su itagnol.com! 

Seguici anche sui social, su Twitter e Facebook!

Com.It.Es Madrid on Twitter: “Ieri incontro fra il Vice Pres Testoni e il Min Esteri spagnolo Albares: l’accordo su doppia cittadinanza verrà siglato presto, eliminando l’obbligo a rinunciare al passaporto di origine. Grazie per le sue parole, Sig. Ministro. Rimaniamo attenti e fiduciosi. #doppiacittadinanza pic.twitter.com/VHRW4RNf0d / Twitter”

Ieri incontro fra il Vice Pres Testoni e il Min Esteri spagnolo Albares: l’accordo su doppia cittadinanza verrà siglato presto, eliminando l’obbligo a rinunciare al passaporto di origine. Grazie per le sue parole, Sig. Ministro. Rimaniamo attenti e fiduciosi. #doppiacittadinanza pic.twitter.com/VHRW4RNf0d

comites madrid: il vicepresidente testoni incontra il ministro albares

MADRID aise – Ne dà notizia il Comites, spiegando che, nel corso del “cordiale e proficuo colloquio”, è stato affrontato, in particolare, il tema della doppia cittadinanza Italia-Spagna. …

The following two tabs change content below.

Lorenzo Pasqualini

Madrid a El Itagnol
Giornalista italiano a Madrid, caporedattore di Meteored Italia e autore-fondatore del sito di informazione "El Itagnol - Notizie dalla Spagna e dall'Italia".

Commenta per primo

Rispondi