Grave disastro ecologico in Spagna, milioni di pellet di plastica invadono le spiagge della Galizia

pellets spagna

La Galizia torna ad essere teatro di un disastro ecologico. La regione spagnola, colpita nel 2002 dalla ‘marea nera’ per l’affondamento della petroliera Prestige al largo delle sue coste, sta vivendo da fine dicembre un nuovo disastro per lo sversamento in mare di enormi quantità di pellet di plastica, minuscoli pezzetti di plastica che si trovavano in un container finito in acqua dopo essere caduto da una nave mercantile.

Il 7 gennaio scorso, la marea di pellets di plastica proveniente dal mercantile Toconao si era già estesa per molti chilometri, fino alle Asturie. Molte spiagge sono state riempite da questi piccoli pezzi di plastica.

Disastro ecologico in Galizia, si ripete la dinamica del disastro del Prestige

Come già era accaduto dopo il disastro del Prestige, la gestione delle operazioni di pulizia e rimozione sta creando forti polemiche politiche tra governo, amministrazione locale e associazioni ecologiste. Tanti i volontari che si sono recati sul posto per pulire le spiagge, ma il governo locale regionale, del Partito Popolare (partito di destra che ha in Galizia uno storico feudo da decenni), ha tardato giorni ad attivare il piano di allerta che automaticamente fa attivare gli aiuti dal governo centrale. Anche nel 2002 i ritardi nelle operazioni di pulizia e contenimento dell’incidente, anche in quel caso di responsabilità di un governo del PP, fecero aumentare le dimensioni della catastrofe ambientale.

Spagna, il ricordo del disastro del Prestige: la marea nera invade di petrolio le coste della Galizia

Il disastro del Prestige nel 2002

La Spagna ha da poco ricordato il 21° anniversario del disastro del Prestige, quando l’affondamento di una petroliera al largo delle coste nord-occidentali del paese devastò le coste della Galizia, con una marea nera di enormi proporzioni che raggiunse anche le coste portoghesi e francesi. Il nuovo disastro ecologico sta attirando l’attenzione dei media spagnoli, ed anche i media italiani stanno riportando la notizia, come si può vedere nella rassegna qui sotto.

Plastica invade le spiagge della Galizia, Rassegna stampa

La marea de pellets se extiende a la costa de A Coruña y la Mariña lucense

Organizaciones ecologistas y grupos de voluntarios organizan acciones de recogida en diferentes playas gallegas

Sulle spiagge della Galizia sono comparsi milioni di pallini di plastica – Il Post

Provengono dal carico di una nave caduto in mare e potrebbero essere un grave problema ambientale, che sta facendo discutere il governo nazionale spagnolo e quello locale

Claves de la marea de pellets plásticos en Galicia: qué son, por qué se reaccionó tan tarde y a quién le corresponde limpiarlos

El episodio de contaminación está siendo investigado por la Fiscalía mientras los hallazgos de pellets se extienden a Asturias, que también ha elevado este martes el nivel de alerta

Plastica in mare, governo spagnolo invia squadre di soccorso in Galizia e Asturie

Il governo delle Asturie (nord) ha attivato il livello 2 di allerta per inquinamento marittimo, a seguito dell’episodio di sversamento di microplastiche che ha colpito inizialmente la Galizia

Pélets plásticos en Galicia: qué son, riesgos y otras preguntas

Las playas de Galicia se han llenado de pélets plásticos. Te explicamos cómo se originó, qué riesgos hay para el medioambiente y la salud y otras preguntas

Galicia rectifica y activa el nivel 2 de alerta por el vertido de ‘pellets’ en sus costas horas después de hacerlo Asturias

La medida supone que ambas comunidades puedan recibir ayuda del Estado para recoger los microplásticos. Feijóo afirma que los análisis dicen que “no son tóxicos”

The following two tabs change content below.
El Itagnol è un sito di notizie di attualità, cultura e tanto altro dalla Spagna e dall'Italia. Le ultime notizie da Madrid e Roma, notizie di cultura, ambiente, viaggi, turismo, montagna e tanto altro. Testata online bilingue in italiano e spagnolo. Autore delle notizie: Lorenzo Pasqualini, giornalista.

Commenta per primo

Rispondi