In Spagna nuove turbolenze politiche sull’amnistia agli indipendentisti, ma per gli spagnoli non è la principale preoccupazione

carles puigdemont
Il leader del partito catalano Junts, Carles Puigdemont, sta creando non pochi problemi all’appena nato governo Sanchez, ma allo stesso tempo è il partito che ne ha permesso la nascita. foto: https://depositphotos.com/

MADRID. Il 30 gennaio il governo spagnolo guidato da Pedro Sanchez, formato da una coalizione di sinistra, ha nuovamente vacillato a soli due mesi dalla sua nascita. Il motivo, ancora una volta, le resistenze del partito che ha permesso la sua nascita a novembre, Junts per Catalunya, partito indipendentista catalano che ha permesso a Sanchez di formare governo in cambio di un’amnistia che cancelli le condanne agli indipendentisti per i fatti del 2017. Il partito Junts, guidato da Carles Puigdemont, ha votato contro la legge di amnistia che veniva votata nel Congresso dei Deputati, portando la maggioranza che sostiene il governo in minoranza.

Il colpo di scena può apparire surreale, visto che è proprio l’amnistia la principale richiesta di Junts, ma il partito catalano ha espresso insoddisfazione per il testo presentato, e chiede modifiche. Di nuovo la maggioranza di governo vacilla, come accaduto poche settimane fa, mentre i sondaggi politici mostrano che nuove elezioni darebbero stavolta più potere al Partito popolare (PP), il principale partito di destra all’opposizione, che potrebbe stavolta riuscire a governare insieme all’estrema destra di Vox.

I sondaggi politici in Spagna a gennaio 2024: ecco chi vincerebbe se si tenessero elezioni anticipate

Il Partito Popolare ancora in piazza a Madrid contro l’amnistia

Proprio il PP ha organizzato lo scorso fine settimana l’ennesima manifestazione di questi mesi contro l’amnistia e contro Pedro Sanchez, accusato dalla destra spagnola di “traditore della patria” e di aver formato un governo “illegittimo”. Decine di migliaia di persone hanno manifestato a Madrid chiedendo le dimissioni del leader socialista. In autunno c’erano state molte altre concentrazioni, e per settimane si era tenuta una protesta davanti la sede del Partito Socialista di Calle Ferraz, terminata più volte con scontri con la Polizia.

Amnistia, un chiodo fisso della politica spagnola: ma cosa preoccupa di più gli spagnoli?

L’amnistia resta quindi al centro del dibattito politico, mai così infuocato in Spagna come in questi ultimi mesi, ma intanto un sondaggio sulle principali preoccupazioni degli spagnoli mostra che non è esattamente questo il principale grattacapo della popolazione. Secondo un sondaggio del CIS, infatti, gli spagnoli hanno in cima alla lista delle preoccupazioni temi più legati alla stabilità economica e al benessere, sono concentrati su cosa mangiare e si preoccupano poco dei dibattiti politici attuali. Crisi economica, salute e lavoro sono i tre principali problemi che affliggono gli spagnoli se si chiede loro di rispondere spontaneamente quali sono le tre questioni che li preoccupano più personalmente, secondo il barometro di gennaio del Centro di ricerca sociologica (CIS), pubblicato lo scorso 17 gennaio.

Le questioni che polarizzano la vita politica spagnola – riporta in un articolo ‘El Paìs’ –  come la legge sull’amnistia per gli accusati nella cornice del processo per  l’indipendenza della Catalogna, o l’indipendenza stessa della regione spagnola, occupano rispettivamente le posizioni 37 e 39 delle preoccupazioni personali degli intervistati.

La risposta cambia se si chiede agli intervistati quale sia il problema principale della Spagna: la crisi economica resta al primo posto, ma questioni come “problemi politici”, “cattivo comportamento dei politici” e “il governo e determinati partiti o politici” salgono di posizione. L’amnistia sale in quel caso alla posizione 24, restando comunque molto più in basso rispetto alle questioni del lavoro, della salute e della stabilità economica. 

Rassegna stampa

Spagna, il governo Sanchez battuto in aula sull’amnistia – Notizie – Ansa.it

Junts vota contro, la legge torna in Commissione (ANSA)

Spagna, gli indipendentisti catalani si sfilano sull’amnistia: il governo Sanchez battuto in Aula

Pedro Sanchez incassa una delicata sconfitta parlamentar e che mostra la fragilità della coalizione di governo guidata dal premier spagnolo. Come aveva minacciato, il partito indipendentista catalano Junts ha votato contro il disegno di amnistia proposto dal Psoe, che tornerà ora in commissione Giustizia.

 

Crisis económica, sanidad y empleo, principales problemas de los españoles según el CIS

La amnistía y la independencia de Cataluña ocupan los puestos 37 y 39 de las preocupaciones de los ciudadanos

The following two tabs change content below.

Lorenzo Pasqualini

Madrid a El Itagnol
Giornalista italiano a Madrid, caporedattore di Meteored Italia e autore-fondatore del sito di informazione "El Itagnol - Notizie dalla Spagna e dall'Italia".

Commenta per primo

Rispondi