Elezioni europee 2024, ecco come votano gli italiani in Spagna

Gli italiani residenti in Spagna iscritti all’AIRE e gli italiani temporaneamente nel paese come votano alle elezioni europee di inizio giugno 2024?

Le prossime elezioni europee si svolgeranno dal 6 al 9 giugno 2024 in tutta l’Unione Europea. In Italia e Spagna, si voterà domenica 9 giugno. In Italia si voterà anche nel pomeriggio di sabato 8 giugno. In questo articolo vedremo come possono votare gli italiani all’estero che si trovano in Spagna.

Elezioni europee 2024, come si vota dalla Spagna e chi può farlo

Possono votare in Spagna per l’elezione dei rappresentanti italiani al Parlamento europeo sia i cittadini italiani residenti in Spagna e regolarmente iscritti all’AIRE, sia i cittadini italiani ed i familiari con essi conviventi che si trovano temporaneamente (per meno di 12 mesi) in Spagna per motivi di studio o di lavoro.

Nel caso degli iscritti AIRE, potranno votare a meno che non abbiano optato per il voto per i candidati spagnoli (una possibilità che esiste solo alle europee). Gli italiani temporaneamente in Spagna devono invece fare apposita domanda all’Ufficio consolare competente, indirizzata al Sindaco del Comune italiano nelle cui liste elettorali sono iscritti.

Il voto all’estero per i rappresentanti italiani si esercita presso i seggi appositamente istituiti all’estero dalle Ambasciate e dagli Uffici consolari. Il Ministero dell’Interno italiano invierà direttamente agli elettori il certificato elettorale personalizzato, contenente l’indicazione del seggio presso il quale votare, la data e l’orario delle votazioni. Ciò avverrà entro il 15º giorno precedente la data delle votazioni in Italia.

Italiani temporaneamente in Spagna

In occasione delle elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo,  gli elettori italiani che si trovano temporaneamente nel territorio della circoscrizione consolare dell’Ambasciata a Madrid (Andalucia, Asturias, Cantabria, Castilla y León, Castilla La Mancha, Ceuta, Extremadura, Galicia, La Rioja, Madrid, Melilla, Navarra, País Vasco) per motivi di lavoro o di studio, nonché i familiari con essi conviventi, possono votare per i membri spettanti all’Italia presso i seggi istituiti dalla Cancelleria Consolare. Per essere ammessi al voto, è necessario presentare – informa l’Ambasciata – entro il 21 marzo 2024  alla Cancelleria Consolare a Madrid una domanda che deve preferibilmente essere redatta utilizzando il modello qui disponibile (SCARICA QUI IL MODELLO).

Maggiori dettagli si trovano a questo link. 

Gli elettori italiani che si trovano temporaneamente nel territorio della circoscrizione consolare del Consolato Generale d’Italia a Barcellona (Aragón, Baleares, Cataluña, Comunidad Valenciana e Murcia) per motivi di lavoro o di studio, nonché degli elettori familiari con essi conviventi, possono votare per i membri del Parlamento UE spettanti all’Italia presso i seggi istituiti dagli Uffici consolari nella citata circoscrizione consolare. Per essere ammessi al voto, è necessario presentare entro il 21 marzo 2024 una domanda che deve preferibilmente essere redatta utilizzando il modello qui disponibile (SCARICA QUI IL MODELLO DI RICHIESTA).

Maggiori informazioni a questo link.

Come si vota? Non via posta

A differenze di altre elezioni e dei referendum, in questo caso il voto degli italiani all’estero avviene fisicamente presso i seggi allestiti nei Consolati di riferimento. Come disposto dalla legge, il Ministero dell’Interno italiano invierà direttamente a casa degli elettori il certificato elettorale personalizzato, contenente l’indicazione del seggio presso il quale votare, la data e l’orario delle votazioni. Ciò avverrà entro il 15º giorno precedente la data delle votazioni in Italia. Il voto però dev’essere effettuato fisicamente nei seggi allestiti nei luoghi indicati, e non avverrà via posta.

The following two tabs change content below.
El Itagnol è un sito di notizie di attualità, cultura e tanto altro dalla Spagna e dall'Italia. Le ultime notizie da Madrid e Roma, notizie di cultura, ambiente, viaggi, turismo, montagna e tanto altro. Testata online bilingue in italiano e spagnolo. Autore delle notizie: Lorenzo Pasqualini, giornalista.

Commenta per primo

Rispondi