Dove festeggiano i tifosi del Real Madrid nella capitale spagnola?

cibeles madrid
La plaza de Cibeles, a Madrid, sede del Municipio e luogo di raduno per i tifosi del Real Madrid (foto: https://depositphotos.com/).

Il Real Madrid torna a vivere un anno pieno di vittorie e successi sportivi importanti. Dopo aver vinto La Liga 2023-2024, il campionato nazionale spagnolo, la squadra madrilena giocherà mercoledì 8 maggio la semifinale di Champions contro il Bayern di Monaco, presso lo stadio Santiago Bernabéu, e potrebbe così staccare un biglietto per la finale del 1° giugno. Se la sera dell’ 8 maggio il Real Madrid dovesse vincere la semifinale, ci saranno nuovi festeggiamenti di piazza dei tifosi. Ma dove festeggiano i tifosi del Real Madrid?

Dove festeggiano i tifosi del Real Madrid?

Ogni volta che c’è una importante vittoria da celebrare, i tifosi del Real Madrid si riversano nella plaza di Cibeles, la piazza dove si trova la fontana di Cibeles ed il municipio di Madrid. Questa piazza simbolica per il Real è uno snodo cruciale per la città. Qui infatti confluisce la Calle di Alcalà proveniente dalla vicina Puerta de Alcalà, uno dei monumenti della capitale spagnola, e i grandi viali noti come Paseo del Prado e della Castellana. La piazza si trova vicino alla Puerta del Sol, alla Gran Via e alla Plaza de Colón, in un’area transitata ogni giorno da migliaia di auto.

I tifosi dell’Atletico, invece, hanno un altro luogo simbolo: è la plaza di Neptuno, dove si trova la fontana del dio del mare. Le due piazze si trovano a poca distanza, collegate tra loro dal Paseo del Prado. Questa tradizione si è diffusa negli ultimi decenni.

Madrid, due piazze e due fontane per i festeggiamenti dei tifosi del Real e dell’Atletico

The following two tabs change content below.
El Itagnol è un sito di notizie di attualità, cultura e tanto altro dalla Spagna e dall'Italia. Le ultime notizie da Madrid e Roma, notizie di cultura, ambiente, viaggi, turismo, montagna e tanto altro. Testata online bilingue in italiano e spagnolo. Autore delle notizie: Lorenzo Pasqualini, giornalista.

Commenta per primo

Rispondi