Internet all’estero: quali sono le opzioni per viaggiare restando online?

internetPer usare Internet all’estero è possibile affidarsi alle opzioni proposte dagli operatori italiani. Nello Spazio Economico Europeo vale il Roaming Like at Home, che consente di utilizzare la propria tariffa anche all’estero. Negli altri Paesi bisogna attivare tariffe dedicate oppure ricorrere ad alternative come l’acquisto di una SIM Card di un operatore estero o di una eSIM internazionale. Prima di mettersi in viaggio, quindi, diventa fondamentale verificare costi e condizioni della propria tariffa e valutare le opzioni a disposizione per ottenere accesso a Internet fuori dall’Italia.

Poter accedere a Internet in mobilità è diventato essenziale, per tantissimi motivi. L’accesso alla rete mobile dall’Italia non è certo un problema, grazie alle tante tariffe di telefonia mobile a disposizione degli utenti che possono accedere a una media di 147 GB considerando solo le offerte da meno di 10 euro al mese. Le cose cambiano all’estero: superati i confini nazionali, infatti, le tariffe degli operatori italiani non valgono più ed è necessario valutare le opzioni a propria disposizione.

A fare il punto della situazione è la nuova indagine dell’Osservatorio SOStariffe.it che ha analizzato l’attuale stato del mercato, verificando le alternative per gli utenti che si preparano a un viaggio e hanno bisogno di Internet all’estero. Il Roaming Like at Home ha reso molto più semplice l’uso dello smartphone nei Paesi UE e negli altri Paesi dello Spazio Economico Europeo. Per i viaggi extra UE, invece, è necessario fare delle valutazioni per poter scegliere l’opzione più vantaggiosa, anche considerando le eSIM per il roaming all’estero.

Dal 2017 viaggiare in Europa è più semplice

Per i viaggi all’interno dello Spazio Economico Europeo, che comprende tutti i Paesi UE oltre a Norvegia, Liechtenstein e Islanda, dal 2017 è possibile sfruttare il Roaming Like at Home. La normativa europea prevede l’eliminazione dei costi extra di roaming per i cittadini che, quindi, possono utilizzare la propria tariffa anche all’estero.

In particolare, minuti e SMS inclusi nelle offerte sono utilizzabili interamente in roaming mentre per il traffico dati è previsto un tetto massimo ai Giga, calcolato tramite una specifica formula. Tale formula consente di calcolare il quantitativo minimo di Giga che l’operatore deve garantire al cliente in base al canone mensile dell’offerta attiva. Esaurito il bundle a disposizione, è prevista una tariffazione a consumo.

La formula valida per il 2024 per il calcolo dei Giga minimi utilizzabili all’estero è la seguente:

  • GB = [canone mensile tariffa IVA esclusa / 1,55] x 2

Dal 1° gennaio 2025, inoltre, la formula diventerà più vantaggiosa per gli utenti, con il quoziente 1,55 che sarà sostituito da 1,3, aumentando ulteriormente i Giga minimi utilizzabili in roaming sulla base di quanto previsto dalla normativa.

Gli operatori italiani rispettano il Roaming Like at Home e solo in pochissimi casi (relativi alle aziende più piccole) ricorrono alla deroga (concessa, a seguito di richiesta specifica da parte dell’operatore, da AGCOM) che consente di applicare delle limitazioni alla normativa, concedendo agli utenti un bundle ridotto di minuti, SMS e Giga durante i viaggi all’interno dello Spazio Economico Europeo.

Attualmente, diversi operatori italiani superano il raggio d’azione del Roaming Like at Home, mettendo a disposizione dei loro utenti un bundle dati superiore a quello minimo previsto dalla normativa o anche includendo altri Paesi nell’elenco per cui viene applicata la normativa, come il Regno Unito, dopo la Brexit, l’Ucraina, dopo lo scoppio della guerra, o la Svizzera. Si tratta, in ogni caso, di scelte dei singoli operatori, da valutare caso per caso.

Cosa succede al di fuori dello Spazio Economico Europeo

Il roaming al di fuori dello Spazio Economico Europeo (al netto delle estensioni previste da alcuni operatori per Regno Unito, Svizzera e Ucraina) prevede l’applicazione di una tariffazione a consumo con la possibilità, per gli utenti, di attivare opzioni specifiche. In questo caso, gli operatori nazionali si muovono in ordine sparso.

Il risultato è una gamma di offerte eterogenea e variegata che obbliga gli utenti a valutare, con attenzione, l’opzione da attivare, anche in considerazione del Paese che sarà la meta del proprio viaggio. Molte di queste opzioni dipendono, infatti, da accordi specifici che i singoli operatori stringono con quelli di altri Paesi. Per gli utenti diventa fondamentale, quindi, valutare caso per caso le opzioni disponibili. Da notare anche che alcune offerte “premium” pensate per l’uso in Italia includono anche minuti e Giga extra da usare in roaming.

Per quanto riguarda le opzioni per avere Internet all’estero, attualmente gli operatori propongono soluzioni giornaliere, settimanali o mensili. In alcuni casi, inoltre, sono disponibili opzioni della durata di 10 giorni. Tocca all’utente valutare le caratteristiche delle offerte disponibili. Scegliendo le opzioni mensili, in genere, è possibile ottenere un bundle dati consistente (oltre a minuti e SMS) ma con una spesa superiore.

Per avere Internet negli USA, ad esempio, è prevista una spesa media di 2,04 euro al giorno a fronte di un bundle dati di 0,61 GB al giorno. Per un soggiorno di 10 giorni, quindi, è possibile ottenere, in media, poco più di 6 GB al costo di poco più di 20 euro. In Svizzera (quando non viene applicato il Roaming Like at Home), è previsto un costo medio di 1,65 euro al giorno per avere 0,49 GB al giorno. Per un soggiorno di 10 giorni, quindi, la spesa sarà di 16,5 euro con 4,9 GB.

Le alternative per i viaggiatori

Per avere Internet all’estero sono disponibili alcune alternative all’attivazione di opzioni dedicate con il proprio operatore di telefonia mobile in Italia. La prima, quella più tradizionale, è l’acquisto di una SIM card una volta raggiunto il Paese di destinazione. Nella maggior parte degli aeroporti internazionali è possibile, facilmente, acquistare una SIM direttamente all’arrivo.

Negli ultimi anni, per i viaggiatori, c’è un’ulteriore opzione da considerare: l’acquisto di una SIM internazionale in Italia, prima di partire. In questo caso, ci sono due alternative: la prima è l’acquisto di una SIM card tramite rivenditori specializzati, mentre la seconda è l’acquisto di una eSIM, affidandosi a un operatore internazionale che mette a disposizione questo tipo di servizio. In entrambi i casi, gli utenti possono assicurarsi la possibilità di accedere a Internet all’estero già prima di uscire dai confini nazionali.

The following two tabs change content below.
El Itagnol è un sito di notizie di attualità, cultura e tanto altro dalla Spagna e dall'Italia. Le ultime notizie da Madrid e Roma, notizie di cultura, ambiente, viaggi, turismo, montagna e tanto altro. Testata online bilingue in italiano e spagnolo. Autore delle notizie: Lorenzo Pasqualini, giornalista.

Commenta per primo

Rispondi