Smog a Madrid, in città ancora centinaia di caldaie a carbone

smog madrid
La “boina” su Madrid (Clara Cobos Martìn, 17 novembre 2017)

A Madrid ci sono ancora centinaia di edifici il cui riscaldamento, in inverno, è alimentato a carbone. Sono sempre meno, circa l’1% del totale, cifre ridotte, ma è una realtà ancora importante che contribuisce all’inquinamento dell’aria.

In una città con milioni di abitanti, traffico intenso e conformazione geografica favorevole all’accumulo di smog, la presenza di caldaie a carbone peggiora in modo importante la qualità dell’aria.

L’obiettivo della giunta di Manuela Carmena (2015-2019) era eliminare questo tipo di caldaie entro il 2020. La riduzione c’è stata, ma all’inizio del nuovo decennio ci sono ancora centinaia di edifici riscaldati a carbone.

Madrid, emergenza smog: la nuova giunta Almeida attiva per la prima volta il piano anti inquinamento

Secondo i dati del Comune di Madrid relativi a un anno fa, erano centinaia ancora gli edifici con riscaldamento a carbone, soprattutto nei quartieri più vicini al centro, dove si concentrano i condomini più vecchi.

Forte riduzione del consumo di carbone a Madrid

I numeri mostrano una forte riduzione rispetto al passato: nel 1999 si consumavano 120.000 tonnellate di carbone a Madrid, nel 2016 poco più di 32.000. E negli ultimi anni la cifra ha continuato a diminuire. C’è però ancora strada da fare prima di una messa al bando totale. La combustione di carbone è una delle più dannose in assoluto.

In questi primi giorni di gennaio 2020 la città di Madrid, per via della stabilità meteo dovuta all’anticiclone, sta sperimentando alti livelli di inquinamento.



The following two tabs change content below.
El Itagnol è un sito di notizie di attualità, cultura e tanto altro dalla Spagna e dall'Italia. Le ultime notizie da Madrid e Roma, notizie di cultura, ambiente, viaggi, turismo, montagna e tanto altro. Testata online bilingue in italiano e spagnolo.