In una grotta vicino Granada la più antica testimonianza genetica umana mai trovata nel sud della Spagna

giornali rassegna stampa

L’analisi genetica dei due denti di un uomo vissuto 23.000 anni fa e che sono stati rinvenuti nella grotta di Malalmuerzo, non lontano da Granada, hanno permesso di ottenere il genoma più antico di un abitante della Penisola Iberica nel Paleolitico superiore. Questi risultati non solo hanno confermato che la penisola iberica è stata un rifugio per le popolazioni preistoriche durante l’ultimo massimo glaciale, il periodo climaticamente più estremo, ma hanno anche rivelato una connessione genetica e una continuità tra i gruppi prima e dopo questo evento climatico, che non erano stati registrati altrove.

Leggi anche. Intervista del giornale El Itagnol a Telmo Pievani: “in Spagna l’ultima fiammella dell’ultima specie umana non Sapiens”

Lo studio apre scenari molto interessanti sulla preistoria dell’Europa

Lo studio, pubblicato su Nature, apre scenari molto interessanti sul passato preistorico degli europei. Qui sotto, alcuni articoli per approfondire.

Cueva de Malalmuerzo, rifugio degli umani nell’ultima era glaciale

Il gruppo di archeologi al lavoro nella Cueva del Malalmuerzo. La scoperta è stata pubblicata su “Nature Ecology & Evolution” (© Pedro Cantalejo)

The following two tabs change content below.
El Itagnol è un sito di notizie di attualità, cultura e tanto altro dalla Spagna e dall'Italia. Le ultime notizie da Madrid e Roma, notizie di cultura, ambiente, viaggi, turismo, montagna e tanto altro. Testata online bilingue in italiano e spagnolo. Autore delle notizie: Lorenzo Pasqualini, giornalista.