Spagna, la coalizione “Sumar” si presenterà unita: siglato in extremis l’accordo con Podemos

sumar spagna

MADRID. Alla fine la sinistra spagnola si è unita, ed alle elezioni del 23 luglio si presenterà in unica coalizione dal nome “Sumar”. L’ultimo determinante accordo che mancava, quello tra Podemos e Sumar, è arrivato in extremis venerdì 9 giugno.

L’unità non era affatto scontata, visto che fino all’ultimo momento il partito Podemos, nato nel 2014 sull’onda delle grandi mobilitazioni di piazza del movimento “15M”, si era opposto per una serie di ragioni a confluire in questa coalizione, ed a fare quindi a mano del suo logo. Con questo accordo si eviterà quindi la frammentazione a sinistra del PSOE, una divisione che avrebbe penalizzato queste formazioni con il sisteme elettorale in vigore.

La formazione “Sumar”, creata dall’attuale ministra del Lavoro (e storica militante di Izquierda Unida), Yolanda Diaz, esisteva in realtà già da un anno, ma è stata lanciata ufficialmente soltanto lo scorso 2 aprile, in un evento a Madrid. Settimana dopo settimana, Sumar ha iniziato a “inglobare” al suo interno le mille anime della sinistra spagnola (parliamo del mondo alla sinistra del PSOE), da Izquierda Unida (storico punto di riferimento per la sinistra in Spagna dagli anni ’80) a Más País (scissione di Podemos nata nel 2019), fino alle tante forze della sinistra regionali, da Compromís fino a Màs Madrid.

Dopo le elezioni del 28 maggio, che hanno visto una chiara sconfitta del blocco delle sinistre in Spagna, la confluenza dei partiti dentro “Sumar” (parola spagnola che significa proprio “sommare”, “raggruppare”, in sostanza unire le forze) aveva visto una ulteriore accelerazione, ma mancava un tassello molto grosso e importante: Podemos. 

L’accordo sulla confluenza di Podemos dentro Sumar è arrivato venerdì 9 giugno, in extremis. Le liste andavano infatti completate in vista dell’ormai imminente data del voto. Da mesi i sondaggi mostravano che una unione delle sinistre avrebbe portato a un maggior numero di deputati. La frammentazione avrebbe penalizzato il blocco che compone l’attuale governo Sanchez. L’accordo sembrava davvero in salita, ma probabilmente ha pesato il pessimo risultato del 28 maggio, che ha reso evidente la necessità di unirsi per rafforzarsi. 

Ecco com’è il simbolo e la sigla di questa nuova forza politica spagnola

Il nuovo partito Sumar, che ingloba Podemos ed altre forze della sinistra spagnola (che non scompaiono, ma entrano a far parte di questa grande coalizione), verrà indicato con la sigla SMR. Sulla “papeleta” elettorale del 23 luglio, comparirà la foto della leader Yolanda Diaz.

Una rassegna stampa dai giornali italiani

“Un patto per la speranza”: in Spagna nasce la coalizione di sinistra Sumar | il manifesto

Spagna (Europa) Verso il voto del 23 luglio. Il prezzo da pagare per il nuovo cartello elettorale è la rinuncia a presentare in lista Irene Montero, ministra delle Pari opportunità. Di Elena Marisol Brandolini

In Spagna c’è vita a sinistra (o almeno pare): la ministra del Lavoro molla Podemos e nasce l’alleanza rossoverde Sumar. Le proposte: meno ore di lavoro, limite agli affitti, aumento del salario minimo – Il Fatto Quotidiano

“Oggi faccio un passo avanti. Voglio essere la prima presidente donna del Paese”. Con queste parole la ministra del Lavoro, Yolanda Díaz, ha concluso uno degli eventi politici più attesi negli ultimi mesi: la presentazione del suo movimento, Sumar, dopo un processo di ascolto che l’ha portata, insieme ai suoi collaboratori, a percorrere diverse località …

Il sociologo Gerbaudo: “In Spagna c’è stato il trauma di cui la sinistra aveva bisogno”

Quello alle amministrative spagnole è un risultato tutto negativo per la sinistra, dice Paolo Gerbaudo, docente al King’s College di Londra e alla Scuola Normale di Pisa, ma ora la batosta potrebbe aiutare a rimettere ordine nella ltigiosa sinistra radicale spagnola

 

Rassegna stampa giornali spagnoli

Nace Sumar: un año de trabajo, dos semanas de alta tensión

Las negociaciones de Yolanda Díaz con Podemos y otros 15 partidos, que estuvieron a punto de descarrilar en varios momentos, han alumbrado finalmente la nueva marca electoral a la izquierda del PSOE

Sumar y Podemos firman un acuerdo para la unidad de la izquierda

El partido de Ione Belarra firma el pacto de coalición pero protesta por el “veto” de Sumar a Irene Montero, excluida de las listas por Sumar durante las negociaciones

Sumar y Podemos firman el acuerdo de coalición pese a las tensiones de última hora

Sumar y Podemos han firmado sobre la bocina el acuerdo de coalición para concurrir de manera conjunta a las elecciones generales del próximo 23-J. Tras diez días de intensas negociaciones que se han saldado con un final altamente bronco, los morados han ratificado el pacto para acudir a los comicios en la papeleta…

Podemos y Sumar firman un acuerdo agónico para ir juntos a las elecciones: Irene Montero fuera de las listas

Podemos y Sumar concurrirán juntos a las elecciones generales del 23 de julio tras un acuerdo agónico en el que los morados han llevado al límite la negociación para intentar…

The following two tabs change content below.

Lorenzo Pasqualini

Madrid a El Itagnol
Giornalista italiano a Madrid, caporedattore di Meteored Italia e autore-fondatore del sito di informazione "El Itagnol - Notizie dalla Spagna e dall'Italia".

Commenta per primo

Rispondi