Questa è la canzone che rappresenta la Spagna a Eurovision 2024, e che ha creato una forte polemica

eurovision 2024Questo fine settimana si celebrerà a Malmö il Festival della canzone Eurovision 2024, un evento diventato sempre più popolare negli ultimi anni in Europa, e che ha visto recentemente la vittoria del gruppo italiano Maneskin, nel 2021. Quest’anno a rappresentare l’Italia sarà Angelina Mango, vincitrice del Festival di Sanremo nel febbraio scorso. La grande finale si terrà sabato 11 maggio, e verrà seguita probabilmente – come ogni anno – da milioni di europei in diretta televisiva. In questo articolo parleremo della canzone che rappresenta la Spagna a Eurovision 2024, intorno alla quale c’è stata una forte polemica.

La canzone che rappresenta la Spagna a Eurovision 2024

A rappresentare la Spagna al Festival europeo della canzone, da un paio d’anni, è il vincitore o la vincitrice del Festival di Benidorm, festival creato dalla Radio TV spagnola RTVE cercando di simulare il Sanremo italiano (popolare anche in terra iberica). Ebbene, la vincitrice del Benidorm Fest 2024 è stato il duo musicale dei Nebulossa, composto dalla cantante María “Mery” Bas e dal tastierista Mark Dasousa. I Nebulossa si esibiscono all’Eurovision di quest’anno con una canzone che ha sollevato molte polemica, dal titolo “Zorra”.

Zorra significa “femmina di volpe” in castigliano, ma è anche un termine dispregiativo per indicare “prostituta”, o “puttana”. Da qui è emersa una forte polemica tra chi parla di contenuto offensivo che accentua gli stereotipi di genere e chi la difende, vedendoci proprio una critica all’uso di quella parola rivendicandola. 

La canzone dei Nebulossa, “Zorra”

Nella canzone la parola “Zorra” viene ripetuta ben 45 volte. Qui sotto, il video.

The following two tabs change content below.
El Itagnol è un sito di notizie di attualità, cultura e tanto altro dalla Spagna e dall'Italia. Le ultime notizie da Madrid e Roma, notizie di cultura, ambiente, viaggi, turismo, montagna e tanto altro. Testata online bilingue in italiano e spagnolo. Autore delle notizie: Lorenzo Pasqualini, giornalista.

Commenta per primo

Rispondi