Spagna, secondo paese con più vittime da coronavirus dopo l’Italia: la situazione il 30 marzo 2020

covid19 30 marzo 2020

MADRID. In Spagna si contano, in questo lunedì 30 marzo 2020, 7.368 decessi per coronavirus e 85.195 contagiati. Di questi, 12.298 sono lavoratori sanitari, secondo i dati del Ministerio de Sanidad e delle Comunità Autonome. Una percentuale intorno al 14% di sanitari risulta quindi positiva al COVID-19. La Spagna ha superato la Cina come numero di contagiati ed è il secondo paese al mondo con più morti dopo l’Italia (dove le vittime sono oltre diecimila). Quasi 17.000 pazienti sono guariti in Spagna. Madrid e Catalogna restano le regioni più colpite.

Tutti gli articoli sulla pandemia di COVID-19 in Spagna e Italia

I dati arrivano nel giorno in cui in Italia si registrano oltre centomila persone contagiate (ma i positivi attuali sono circa 75 mila), e la pandemia si espande nel mondo colpendo in modo particolare gli Stati Uniti. La OMS calcola che entro questa settimana si raggiungerà il milione di contagi in tutto il pianeta.

Spagna, altre notizie sull’emergenza coronavirus – 30 marzo 2020

In Spagna il 30 marzo è stato anche il giorno in cui si è saputo che il direttore del Centro de Coordinación de Alertas y Emergencias Sanitarias del Ministerio de Sanidad, Fernando Simón, 57 anni, uno dei volti più visti in queste settimane di emergenza sanitaria per le sue quotidiane conferenze stampa con il punto della situazione, è risultato positivo al coronavirus. Simòn ha confermato di trovarsi in buone condizioni.

Unità di terapia intensiva al limite negli ospedali

E’ anche il giorno in cui si rende noto che cresce fino al limite la pressione sulle unità di terapia intensiva (UCI), con 5.231 persone ricoverate. Si studia il trasferimento di pazienti fra Comunità Autonome per alleviare il sovraccarico nelle regioni più colpite.

Ci sono anche tensioni fra governo nazionale e Comunità Autonome non contente per la gestione dell’emergenza (è il caso dei Paesi Baschi), mentre l’opposizione di destra minaccia di non appoggiare le misure economiche del governo se non cambieranno.

Primo giorno di stop alle attività non essenziali

In Spagna è stato anche il primo giorno di serrata generale per le attività economiche non essenziali. Una misura che in Italia era entrata in vigore una settimana prima. Strade ancora più vuote nelle grandi città per il blocco delle attività economiche che ancora erano aperte in questi giorni, fra cui anche cantieri edili. A Madrid si registra un ulteriore calo del 34% nella mobilità.

Caos nell’ospedale da campo presso la Fiera di Madrid

Si parla oggi anche delle denunce di lavoratori e sindacati per il caos organizzativo presso la Fiera di madrid, dove è stato allestito un enorme ospedale da campo. In particolare, si denunciano le pessime condizioni di lavoro per i sanitari, ed anche per i pazienti.

The following two tabs change content below.
El Itagnol è un sito di notizie di attualità, cultura e tanto altro dalla Spagna e dall'Italia. Le ultime notizie da Madrid e Roma, notizie di cultura, ambiente, viaggi, turismo, montagna e tanto altro. Testata online bilingue in italiano e spagnolo.
loading...