Caldo anomalo ad ottobre in Spagna: in molte aree del paese è ancora estate

siviglia spagna
A Siviglia sono stati superati i 35°C il 7 ottobre del 2019.

Dalla fine di settembre in Spagna si registrano temperature insolitamente alte, diversi gradi sopra la media del periodo. Un caldo anomalo accompagnato da una siccità preoccupante, che arriva a soli due anni di distanza da quella eccezionale del 2017. La situazione di caldo anomalo e stabilità continuerà anche nei prossimi giorni.

Le temperature massime in questo inizio di ottobre 2019 sono estive: ieri a mezzogiorno la città di Badajoz, in Estremadura, faceva registrare una massima di 36°C. Oltre 36°C venivano raggiunti anche nella provincia di Malaga.

Tanto caldo anche nelle province di Huelva, Cadice, Siviglia, Almerìa e Cordova. Fin qui i valori massimi del paese, con valori davvero estivi.

Ti potrebbe interessare. Siccità in Spagna, dal fondo del lago emergono resti preistorici

Oltre i 35°C in Andalusia, 28°C nel nord-est

Se ci spostiamo però in altre paese della Spagna, la situazione anomala permane. Ieri e l’altro ieri nella zona di Madrid si registravano più di 30°C. Valori alti anche a Valencia (circa 28°C di massima) e Saragozza (28°C). Un po’ più fresco a Barcellona, con 23°C, ma nella Catalogna meridionale, quindi l’area nord-orientale della penisola, i valori dei giorni scorsi hanno superato i 25°C in molte zone, con picchi di 27-28°C.

Preoccupante anche l’assenza di precipitazioni. Fatta eccezione per il sud-est del paese, colpito dalle alluvioni un mese fa, in molte zone del paese si registra una situazione preoccupante con troppa poca pioggia. Il ricordo della drammatica siccità del 2017 è ancora vicinissimo, e un nuovo autunno siccitoso sarebbe devastante per il bilancio idrico del paese.

The following two tabs change content below.

Lorenzo Pasqualini

Madrid a El Itagnol
Giornalista, ho collaborato negli anni con giornali e periodici italiani e spagnoli. Sono caporedattore de ilmeteo.net, portale italiano del gruppo Meteored. Fondatore e caporedattore de El Itagnol. Vivo in Spagna da anni, sempre a cavallo fra Roma e Madrid. Laurea magistrale in Geologia Applicata all'Ingegneria.