I sondaggi all’inizio del 2024 in Spagna: la destra cresce e stacca i socialisti, PP oltre il 35%

parlamento spagna
Il Congresso dei Deputati, a Madrid (foto: https://depositphotos.com/)

La Spagna inizia il 2024 senza grandi elezioni all’orizzonte, fatta eccezione per le Europee di giugno. A febbraio si terranno le elezioni regionali in Galizia, ma dopo la scorpacciata elettorale del 2023 (un anno in cui ci sono state elezioni amministrative, regionali e politiche), il 2024 si prospetta tranquillo. A metà novembre si è insediato il nuovo governo, uscito dalle elezioni del 23 luglio, e salvo colpi di scena (non del tutto da scartare, viste le tensioni che ci sono già state nelle ultime settimane) non si voterà prima di 3 anni e mezzo.

I sondaggi, tuttavia, continuano ad essere osservati con interesse perché danno un’idea del termometro politico del paese. In Spagna, lo ricordiamo, alle elezioni del 23 luglio i partiti della destra (PP+Vox) ottennero un 45,5% dei voti, mentre i partiti della sinistra (PSOE+Sumar), un 44%.  Di fronte a questa situazione di quasi parità, a spostare l’ago della bilancia furono i tanti partiti regionali, in particolari quelli della Catalogna e dei Paesi Baschi, alcuni dei quali indipendentisti, che decisero di appoggiare un governo di sinistra permettendo a Pedro Sanchez di restare alla guida dell’esecutivo.

In cambio del ‘si’ dei partiti indipendentisti catalani, però, Pedro Sanchez ha concesso una amnistia che è mal vista da una buona fetta dell’elettorato spagnolo (alcuni sondaggi parlano di oltre il 60% della popolazione spagnola contrario), soprattutto a destra ma anche a sinistra. La decisione di concedere l’amnistia a decine di persone sotto processo per il tentativo di indipendenza della Catalogna dell’autunno 2017, potrebbe quindi far perdere consensi ai partiti della sinistra. E così sembra che stia succedendo a guardare i sondaggi.

Gli articoli di politica spagnola su ‘El Itagnol’

Sondaggi in Spagna, cresce il PP (ma non Vox)

Dai primi sondaggi del 2024, come quello pubblicato da elDiario.es e realizzato da Simple Logica, emerge che il Partito Popolare (PP), tradizionale partito della destra spagnola, otterrebbe il 36% se si votasse adesso. Il partito di estrema destra Vox si fermerebbe invece all’11,4%, e perde quindi consensi rispetto ai mesi scorsi, così come anche il partito di sinistra Sumar, che forse sconta l’addio di Podemos (che è appena uscito da questa coalizione per entrare nel gruppo misto). Il Partito socialista (PSOE) si ferma al 29,4%, scontando una perdita di consensi probabilmente legata proprio alla decisione di approvare l’amnistia. I sondaggi del gennaio 2024 danno quindi in vantaggio il blocco della destra davanti a quello della sinistra.

El PP sube y ya saca más de siete puntos de ventaja al PSOE

Los socialistas caen menos que otros meses pero siguen a la baja. Vox pierde apoyos en favor del PP mientras que Sumar cedería algo más de un punto tras la ruptura con Podemos, cuya intención de voto vuelve a estimarse por separado

The following two tabs change content below.
El Itagnol è un sito di notizie di attualità, cultura e tanto altro dalla Spagna e dall'Italia. Le ultime notizie da Madrid e Roma, notizie di cultura, ambiente, viaggi, turismo, montagna e tanto altro. Testata online bilingue in italiano e spagnolo. Autore delle notizie: Lorenzo Pasqualini, giornalista.

Commenta per primo

Rispondi