Governo Sánchez I e Sánchez bis: mai così tante donne nel Consiglio dei Ministri

moncloa ministra spagna
La ministra de Hacienda María Jesús Montero, la vicepresidenta Carmen Calvo e la ministra de Educación Isabel Celaá. Foto: Pool Moncloa/Borja Puig de la Bellacasa

MADRID. Una delle novità degli ultimi due governi spagnoli, il Sánchez I e il Sánchez bis (quest’ultimo si è insediato due giorni fa) è il numero di ministre nell’esecutivo. Dal 1976 al 2018 non c’era mai stata una proporzione così equilibrata fra numero di donne e uomini nell’esecutivo.

Il governo Sánchez bis ha giurato

Fino al 2018 il numero di donne era sempre inferiore a quello degli uomini.

Dal 2018, parità uomo-donna nel Consiglio dei Ministri

Nel giugno del 2018, con l’insediamento del governo Sánchez I, socialista, per la prima volta le donne sono più degli uomini: 11 le ministre, tanto che ci fu un dibattito sulla necessità di usare la dicitura “Consiglio delle Ministre”. Il nuovo governo Sánchez, il primo governo di coalizione dalla Seconda Repubblica, ha 8 ministre e tre donne vicepresidenti, per un totale di 11 donne nel Consiglio dei Ministri, mentre gli uomini (compreso il presidente del governo) sono 12.

I nomi dei nuovi ministri del governo spagnolo

I governi socialisti spagnoli, dagli anni Duemila in poi, si sono sempre impegnati per una maggior parità uomo-donna: il secondo governo Zapatero, nel 2008, raggiunse quota 50-50. Molto meno attenti a questo aspetto i governi del Partido Popular (PP). Prima degli anni ’90, infine, la presenza delle donne nei Consigli dei Ministri era davvero esigua.

The following two tabs change content below.
El Itagnol è un sito di notizie di attualità, cultura e tanto altro dalla Spagna e dall'Italia. Le ultime notizie da Madrid e Roma, notizie di cultura, ambiente, viaggi, turismo, montagna e tanto altro. Testata online bilingue in italiano e spagnolo.