La Spagna scopre che il coronavirus circolava nel paese almeno da inizio febbraio

medico

MADRID. Arrivano nuove conferme in Spagna sul fatto che il coronavirus Covid-19 circolava nel paese da diverse settimane, prima che scoppiasse l’allarme verso gli arrivi di persone dal nord Italia. Mentre i casi accertati di contagio superano quota 260 in Spagna, emerge il caso delle persone decedute. Sono 3 le persone morte di coronavirus in Spagna fino ad ora, ma su nessuna di queste era stato rilevato il virus quando ancora in vita. In sostanza, si è scoperto che erano positive al virus soltanto dopo il decesso.

5 marzo, ultime notizie sul coronavirus in Spagna e Italia

Il virus circolava in Spagna da diverse settimane

Questo porta a una considerazione: il virus circolava nel paese già da inizio febbraio, forse anche prima. E potrebbe mettere in qualche modo in crisi la linea del Governo, che finora ha diffuso un messaggio di estrema cautela rinunciando a misure restrittive, e ripetendo che la  stragrande maggioranza dei contagi “è importato”, in particolar modo da nord Italia e Cina.

Tutte le notizie sulla crisi Covid-19 in Spagna e Italia e nel mondo

Il governo spagnolo: “90% dei casi è importato”

Un messaggio che, di fronte a questi casi, inizia a mostrare le prime crepe. Il messaggio del governo spagnolo di preoccupazione verso i casi importati da Italia e altri paesi considerati “focolai”, ha portato alla decisione di giocare a porte chiuse le partite internazionali fra squadre spagnole e italiane. Ma se il virus circolava già nel paese senza esser rilevato, questa misura apparirebbe soltanto parziale.

Prime crepe nel governo spagnolo per la gestione della crisi coronavirus: tensioni fra Ministero del Lavoro e Ministero della Sanità

Ha inoltre causato una certa apprensione nel paese verso la comunità italiana e verso spagnoli provenienti dal nord Italia, con situazioni surreali e talvolta spiacevoli, e casi isolati di discriminazione. Il governo ha diffuso un messaggio di tranquillità fino a ieri, quando ancora escludeva misure di restrizione nonostante gli oltre 100 casi rilevati a Madrid. Ha anche escluso la chiusura delle scuole e delle università.

El Paìs. I test su coronavirus in Spagna: i risultati tardano diversi giorni

“Adesso vediamo solo i casi più gravi delle infezioni avvenute settimane fa”

“Queste morti ci dicono che il virus è arrivato in Spagna prima di quando si pensava” dice a El Paìs Antoni Trilla, capo del Servicio de Medicina Preventiva y Epidemiología del Hospital Clínic (Barcellona). “Quelli che vediamo ora sono solo i casi più gravi delle infezioni avvenute diverse settimane fa”. E aggiunge: “quante sono state? Quando sono iniziate? Per il momento, non lo sappiamo”.

El paìs. La denuncia della figlia di un’anziana morta per il Covid-19 a Madrid: “nessuno mi aveva detto che aveva il coronavirus” 

Meno test in Spagna rispetto all’Italia

Da segnalare anche il diverso numero di test effettuati in Spagna ed in Italia: nel paese iberico, il numero di test sul coronavirus è aumentato negli ultimi giorni: fino al 27 febbraio venivano fatti test solo su persone con polmonite che erano state nelle zone considerate a rischio. Al 6 marzo risulta che in Spagna sono stati fatti 10.000 test (e sono emersi oltre 350 casi positivi). In Italia, il numero di prove per verificare la presenza del coronavirus è di oltre 30.000. Pochi giorni fa, quando in Spagna i test fatti erano ancora poche centinaia, in Italia se ne contavano già 20.000.

Perché in Italia ci sono più casi di contagio da coronavirus che in Spagna?

Molti esperti hanno ripetuto più volte che quanti più test vengono effettuati, più casi di coronavirus emergono. L’impressione è che il minor numero di test in Spagna stia dando una stima di contagi al ribasso, e che i numeri noti (circa 350 la sera del 6 marzo) siano solo la punta dell’iceberg.

El Paìs. “La magnitud de la epidemia sigue oculta

I casi a Madrid nel centro per anziani

Preoccupa in Spagna anche il forte aumento di casi di coronavirus in residenze per anziani a Madrid. Anche qui, non si capisce la fonte del contagio, e i casi sono stati scoperti solo dopo il decesso di un’anziana di 99 anni.

The following two tabs change content below.

Lorenzo Pasqualini

Madrid a El Itagnol
Giornalista italiano a Madrid, ho collaborato negli anni con giornali e periodici italiani e spagnoli. Sono caporedattore di Meteored Italia e l'autore del sito di informazione "El Itagnol - Notizie dalla Spagna e dall'Italia".